La Commissione Urbanistica rimette a posto le cose dopo la canèa

Nuovo voto sul resort di San Cataldo nella commissione Urbanistica, annullato il parere precedente, ora la parola passa al Consiglio Comunale. Intanto, il clima in maggioranza sembra più disteso dopo il chiarimento.

palazzo carafa

LECCE- La Commissione urbanistica è tornata a riunirsi, dopo la canèa della falsa delega, o meglio dire della “delega fraintesa”, è tornata la quiete. Alla fine Rocco Ciardo si è astenuto: come aveva avvertito, non avrebbe mai votato per il progetto del resort di San Cataldo che prevedesse i parcheggi distanti 1 chilometro e mezzo.

La perplessità viene spiegata nel dettaglio dal Presidente del consiglio Comunale, Alfredo Pagliaro, che ieri ha ricomposto l’incomprensione tra Martella e il consigliere della Puglia Prima di Tutto: “Se si autorizzano dei parcheggi troppo distanti dal resort, si rischia di creare un caos, oltre ai parcheggi selvaggi”. Ecco perché si sono astenuti anche Salvemini, Monticelli e Montinaro. Favorevoli Tondo e Lamosa, contrario Torricelli. Alla fine si tratta di un parere non vincolante che approderà in Consiglio Comunale dove si terrà la discussione e, successivamente si deciderà.

Intanto, in maggioranza si cerca di cambiare registro, si ammorbidiscono i toni, dopo gli strali dei giorni scorsi. Alfredo Pagliaro, da esponente del Movimento Regione Salento ha chiesto, come hanno fatto anche i consiglieri del Nuovo Centrodestra, maggiore coinvolgimento e dialogo, perché lui si era trovato a partecipare alla riunione incriminata per puro caso. Paolo Perrone spiega così il chiarimento di maggioranza avvenuto nelle scorse ore e assicura che d’ora in poi si eviteranno malintesi.