Attore e latitante Scu, arrestato in Germania Gennaro Solito

BRINDISI- Personaggio poliedrico capace di riuscire a conciliare l’affiliazione alla Sacra Corona Unita con la passione per la recitazione, con tanto di parte in “Cesare deve Morire”, pellicola vincitrice dell’Orso d’Oro e nominato agli Oscar 2013. Ma anche, a fronte di una condanna a 14 anni e l’arresto, nel 2010, nell’ambito dell’operazione Calypso, anche latitante in Germania. Lì, nei pressi di Stoccarda, è stato identificato e quindi arrestato Gennaro Solito, personaggio di spicco della frangia dei mesagnesi della Scu su cui, appunto, pendeva una condanna di quasi tre lustri per 416 bis, traffico e detenzione di stupefacenti e tentata estorsione. 

Solito, latitante in Germania, è stato tratto in arresto dalla polizia tedesca a Phorzeim, vicino Stuttgart, lo scorso mercoledì. Addoso, documenti falsi, già ritenuti tali a dicembre quando, per un caso fortuito, Solito fu bloccato dalla “Polizei”. Da lì in poi, i carabinieri del comando provinciale di Brindisi coordinati dal maggiore Alessandro Colella, hanno monitorato l’evolversi della vicenda fino a quando, a braccetto con le forze in casacca verde, hanno stretto le manette ai polsi di solito.solito

Lui era anche attore. Solito, secondo le indagini dell’epoca personaggio di spicco della Scu e con un ruolo centrale nel traffico di Cocaina con supervisti Ercole Penna e Daniele Vicentino, aveva preso parte alle riprese del film “Cesare deve Morire”, diretto da Paolo e Vittorio Taviani, capace di are incetta di premi in Europa e nel mondo. Al centro della vicenda, il Giulio Cesare di Shakespeare interpretato dai detenuti di Rebibbia.

La morale dell’opera è che, wikipedia docet,  le passioni, i legami e i tradimenti che punteggiano, guidano o traviano la vita dell’uomo (e le loro storie criminali) non sono mai cambiate nei secoli e che le vicende della Storia riproducono, solo in scala diversa, quelle delle vite di tutti. Anche quelle di Solito, fu latitante Scu arrestato in Germania.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*