Tragedia in via Taranto, cede il pavimento: muore coppia di clochard

Una tragedia scuote il Salento: una coppia di clochard è morta dopo il crollo del pavimento di una vecchia casa. Sono precipitati in una cisterna, forse molti giorni fa.

crollo2 copy

LECCE – Uniti nella vita, una vita di stenti che più volte li ha messi a dura prova. Uniti anche nella morte.Un addio tragico per Dino e Veronica. Così erano conosciuti, a Lecce, i due clochard. Semplicemente con i loro nomi di battesimo.

Riccardo Martina, 51enne leccese e la sua compagna, Veronica Piggini, milanese d’origine, ma ormai residente a Lecce, hanno perso la vita in circostanze tragiche, precipitando in una cisterna, larga almeno due metri, profonda 5, dopo il cedimento del pavimento della loro abitazione. E’ accaduto  in Viale Taranto, periferia leccese.

La coppia viveva in un bilocale che si trova in un agglomerato fatiscente che sorge alla fine della via. Di loro non si avevano notizie da circa un mese. L’ultimo ad avere sentito Dino era stato il cugino. A Natale, per gli auguri. Poi niente più. Ma non si era preoccupato più di tanto, conoscendo le abitudini del cugino che conduceva una vita a sè.

A dare l’allarme è stato un vicino di casa della coppia. Non vedendoli da tempo, preoccupato si è affacciato nella loro abitazione (due stanze vuote, senza nessun tipo di arredamento, calcinacci ai piedi delle pareti e crepe sui muri).

Ha aperto la porta, ha fatto pochi passi e poi la terribile scoperta: il pavimento sprofondato e, sotto, la cisterna. Un corpo che galleggiava. Subito ha avvisato il 113. Sul posto sono intervenuti polizia, carabinieri, vigili del fuoco con il supporto delle unità cinofile alla ricerca del secondo cadavere.

Secondo una prima ricostruzione, la donna sarebbe caduta per prima. Il compagno avrebbe tentata di tirarla sù lanciandole un filo, poi ritrovato nelle vicinanze. Tentativo inutile. Anche lui è precipitato nella melma.  L’incidente risale a diversi giorni fa, almeno stando alle condizioni dei corpi. Difficile anche recuperarli. Per agevolarne le operazioni, è stato necessario l’intervento di un autospurgo. Una volta svuotata la cisterna, i vigili hanno potuto issare i due cadaveri. Anche il procuratore capo di Lecce, Cataldo Motta, ha raggiunto il luogo della tragedia. Insieme al dirigente delle Volanti, Antonio Ingrosso, ha eseguito un sopralluogo al termine del quale ha confermato che si tratta di decesso conseguente alla caduta.

Oltre ai soccorritori, sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia municipale insieme ad un gruppo di tecnici del Comune. I locali sono di proprietà privata, ma a quanto pare, Dino e Veronica li occupavano abusivamente. Per quanto accaduto, è stato ordinato lo sgombero degli alloggi vicini, in attesa di testare la staticità dell’intero stabile che ospita, in tutto, quattro piccoli appartamenti al piano terra.

 

crollo2 copy

crollo copy

crollo3 copy

crollo4 copy