75enne tarantino muore carbonizzato in un casolare di Rimini

Un settantacinquenne di Taranto residente da anni a Rimini è morto carbonizzato in un incendio nel suo casolare. Il rogo a seguito dell'esplosione di una bombola a gas

vigili del fuoco

RIMINI- Era tarantino l’ anziano morto carbonizzato in un incendio in un casolare nel riminese provocato dallo scoppio di una bombola del gas. Si chiamava Giuseppe Carucci di 75anni . L’ uomo è stato investito dall’esplosione della bombola,  utilizzata per scaldarsi .Il 75enne era in pensione e, per arrotondare riparava distributori automatici di bevande. La tragedia si è consumata proprio nel capannone che utilizzava per lavorare. Struttura all’ interno della quale, da un paio di anni, l’anziano  aveva ricavato, un alloggio di fortuna. Siamo nelle campagne del bellariese , a Rimini, in zona Bordonchio.

Lo scoppio è avvenuto nel cuore della notte, attorno alle 3. A lanciare l’allarme sono stati alcuni vicini che hanno notato l’incendio e il fumo proveniente dallo stabile.

Sul posto, oltre ai carabinieri, sono tempestivamente giunti i vigili del fuoco che, per accedere all’area interessata dal rogo, sono stati costretti a tagliare con un flessibile la porta d’acciaio che sbarrava l’ingresso. L’ uomo è stato raggiunto dopo che i pompeiri avessero domato le fiamme. E per il 75enne purtroppo era già tardi.