Assemblea lavoratori ex MPS: no all’accordo

No dei lavoratori leccesi della Fruendo, ex Monte dei Paschi, all'accordo del 21 dicembre con la nuova azienda: i sindacati dicono: non tutela i dipendenti. Un dato in linea con quello nazionale espresso ieri in assemblea

mps

LECCE- In linea con il dato nazionale anche l’assemblea dei lavoratori della società Fruendo ex Banca Monte dei Paschi di Siena della provincia di Lecce si è espressa quasi all’unanimità contro l’accordo del 21 dicembre che la Fisac Cgil ha deciso di non sottoscrivere. L’assemblea si è svolta ieri pomeriggio nelle sale dell’hotel Tiziano alla presenza, oltre che di Fisac Cgil , delle altre Organizzazioni Sindacali non firmatarie.
Lo scorso 21 dicembre si è conclusa la trattativa relativa alla cessione di ramo d’azienda con la quale oltre mille lavoratori (di cui 181 in provincia di Lecce) della Banca MPS, con decorrenza dal 1° gennaio 2014, sono passati nella nuova società Fruendo srl, con sede legale a Firenze. La Fisac Cgil ha ritenuto di non sottoscrivere un accordo che avrebbe limitato i diritti individuali dei lavoratori.

“Si tratta, a nostro avviso di un accordo che smantella totalmente l’area contrattuale, – dichiara Paola Boccardo, Fisac Cgil Lecce, – nel momento in cui, sempre in premessa, esprime un giudizio positivo sulle esternalizzazioni, quale strumento di riduzione dei costi.

L’assemblea ha inoltre sottoscritto un ordine del giorno in cui si chiede un impegno aziendale a non procedere ad ulteriori esternalizzazioni. L’apertura del confronto finalizzato alla costruzione di un percorso che definisca un quadro normativo/economico aziendale , la riapertura del Polo di Milano.