Ambiente e Tap, Curto “bacchetta” Consales e Rizzo: “Il sindaco non faccia l’anguilla”

“Sulla Tap decida la politica, non i cittadini. E Consales non faccia l’anguilla e affronti il problema ambientale in consiglio”. Il consigliere regioanle Euprepio Curto bacchetta i sindaci di Brindisi e San Pietro.

euprepio-curto

BRINDISI- “Alla vigilia del Consiglio monotematico che si terrà a Brindisi sulla questione energetica, è assolutamente doveroso ribadire la necessità che, almeno fino a quando il tema non sarà stato sviscerato in tutte le sue specificità, nessun ampliamento di attività che comporti aggravio in ambito d’impatto ambientale dovrà essere autorizzato”.

Lo scrive in una nota il consigliere Regionale Fli Euprepio Curto che poi, soffermandosi sulla problematica dell’eventuale approdo Tap sulla costa a sud di Brindisi, bacchetta il sindaco di San Pietro Vernotico Rizzo.

“Mi permetto di suggerire a Pasquale Rizzo, di desistere dall’idea di proporre un referendum popolare consultivo sulla questione Tap” sia per la complessità tecnica della materia sia perché – ritiene l’ex senatore – “sono le classi dirigenti a doversi assumere la responsabilità delle scelte, attraverso un’analisi puntuale e rigorosa del rapporto costo-benefici emergente a carico del territorio”.

“Infine – ha poi proseguito Curto – è auspicabile che il Consiglio monotematico non si risolva in una stanca e poco dignitosa replica di altri consigli monotematici, con i politici impegnati in infruttuose passerelle. L’esempio incominci a darlo il sindaco Consales […] cui non gli sarà consentito di fare l’anguilla, e di sgusciare furbescamente dal tema. Almeno per quanto mi riguarda, non lo consentirò”.