Teschi nella discarica, forse rubati da un ossario

Probabilmente i due teschi sono stati trafugati da un ossario e poi gettati nella discarica. Questa l'ipotesi più accreditata per il macabro rinvenimento avvenuto la vigilia di Natale alla periferia di Squinzano. Intanto il pm ha disposto la consulenza sui resti umani.

teschi

SQUINZANO- Da quanto tempo erano lì? E quanto sono vecchi? Il ritrovamento di due teschi tra i rifiuti in una discarica abusiva alla periferia di Squinzano pone degli interrogativi ai quali le indagini stanno cercando di dare delle risposte. Sarà il medico legale Alberto Tortorella al quale è stata conferita la consulenza ed esaminare i resti umani e a dare delle indicazioni. Ad un primo esame sembrerebbe che i due teschi abbiano almeno 20anni.
Al lavoro in queste ore ci sono i carabinieri della compagnia di Campi Salentina e il pm Valeria Mignone. Stanno cercando di capire come i due teschi ritrovati la vigilia di Natale siano finiti in quella discarica. Un rinvenimento del tutto casuale ad opera di un cane portato a spasso dalla sua padrona.

Durante una passeggiata l’animale ha iniziato a fiutare insistentemente in un punto. La ragazza si è avvicinata ed ha fatto la macabra scoperta. Nessuna messa nera, non ci sono altri indizi nelle vicinanze che possano farlo pensare, così come è esclusa l’ipotesi che possa trattarsi dei resti delle vittime di lupara bianca. Se cosi fosse sarebbero stati trovati anche i corpi. Invece, nonostante la zona sia stata setacciata palmo a palmo, nessun altro pezzo di ossa è spuntato tra quei rifiuti.

Per questo i carabinieri pensano che i due teschi siano stati trafugati da un ossario da qualcuno che successivamente abbia voluto liberarsene gettandoli nella discarica. Un macabro scherzo forse, o un avvertimento nei confronti di qualcuno? Solo ipotesi al momento, e tanto dubbi da chiarire.