Furto energia elettrica con trucco: nei guai 69enne di Brindisi

BRINDISI – Aveva studiato un trucco davvero sofisticato con cui riuscire a rubare luce elettrica sia per il suo appartamento che per il circolo privato, sito sotto la sua abitazione: con un pulsante messo sotto un quadro  decideva infatti i kilowatt da consumare. Risultato? Le sue bollette erano diventate davvero economiche: pagava  tra i 18 e i 20 euro.

L’Enel, notando qualcosa di strano,  ha così allertato i carabinieri al fine di effettuare un sopralluogo. E così è stato. Giunti sul posto hanno dapprima ispezionato il circolo, ma l’uomo ha fatto presente che era tutto collegato all’appartamento superiore. Una  volta in casa hanno scoperto l’imbroglio e arrestato il furfante.

Si tratta del 69enne brindisino Vitantonio Carrone che nel 2011  “inscenò una protesta contro Equitalia arrampicandosi su un traliccio dell’Enel e minacciandosi di lanciarsi nel vuoto perché l’ente addetto alla riscossione dei debiti nei confronti dello Stato vantava nei suoi confronti un credito di 26mila euro”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*