Lite nel traffico con botte al semaforo: grave un uomo, denunciato l’aggressore

Pugni al semaforo per un banale litigio in piano traffico. È successo a Lecce, in viale Grassi. La vittima è stata ricoverata con la faccia spaccata; l'aggressore è stato denunciato.

semaforo-2

LECCE- Botte da orbi, una pioggia di pugni sul volto, per una banale quanto consueta lite nel traffico. Una discussione sfociata in violenza, che è costata ad un uomo la faccia. In senso letterale: l’aggredito, infatti, a causa dei pugni, è stato ricoverato d’urgenza per un trauma maxillo-facciale e cranico commotivo ed un’emorragia ad un occhio, con una prognosi di 30 giorni. È successo a Lecce, al semaforo che regolamenta l’incrocio tra viale Grassi e via vecchia Carmiano. L’alterco al volante sarebbe scaturito da futilissimi motivi legati a diritto di precedenza o questioni simili di viabilità.
Fatto sta che, ad un certo punto, dopo qualche insulto urlato, qualcuno è sceso dalla macchina -due giovani, stando al racconto della vittima- ed ha picchiato duro l’antagonista.  Era una Lancia Y che poi è sfrecciata via. E infatti la polizia, chiamata ad intervenire, non ne ha trovato traccia. Il ferito è stato trasportato in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale Vito fazzi di Lecce, dove poi è stato ricoverato nel reparto oculistica.

Ma qualcuno ha preso il numero di targa della Lancia Y e agli agenti sono bastati pochi minuti per risalire al proprietario. È un uomo della provincia di Lecce, che ha però subito spiegato alla polizia che suo figlio era uscito con l’auto. Davanti agli agenti, gli ha telefonato dicendo di andare in questura a chiarire la propria posizione.

E così è stato: si tratta di un 41enne che dapprima ha negato tutto e poi, messo alle strette, ha confessato l’aggressione, tirando fuori però l’amico che, a suo dire, sarebbe rimasto in macchina.  Per lui è scattata una denuncia a piede libero per lesioni personali gravi.