Droga, nelle intercettazioni i canali di provenienza della “Neve tarantina”

QuattroStelle

TARANTO- 17 in carcere, 8 ai domiciliari. 5 con l’ obbligo di dimora. Ecco i nomi dei 17 finiti dietro le sbarre, quasi tutti tarantini sono: Cristian Briganti, Aldo Catapano, Fabio Ferrigni, Daniele e Francesco Leale, Salvatore Maglie, Cartaldo Missiano. Della provincia di TarantGentile di Roccaforzata.

E ancora c’è Ferruccio Balestriesri, di Taranto, ma arrestato nel brindisino , ad Ostuni. E poi, a confermare i contatti con Bari, il putignanese Cesare Giliberti, il barese Domincio di Gioia e Paolo Locorotondo di Noci. Ma tra i canali di approvigionamento della droga, secondo l’ accusa, c’erano oltre Bari anche la Colombia e la Ndrangheta calabro lucana. E qua spunterebbero i nomi di Francesco Gaeta e Cosimo Vena di Poliocioro, e di Michele Puce di Matera.

Che fossero queste le terre di provenienza della “Neve tarantina” si chiama cosi l’ operazione chiusa dalla Dda di Lecce e dalla procura di Taranto col blitz di carabinieri e gdf di Taranto, emerge anche dalle intercettazioni. Alla 43esima pagina delle 206 di ordinanza a firma del gip di Lecce, si legge dei contatti col quartiere Japigia di Bari. Conferme anche nelle altre pagine.

E ancora, nelle altre intercettazioni si fa riferimento alla gestione di veri e propri arsenali di armi. E i numeri da capogiro sia in termini di quantitativi di cocaina ed eroina trafficati che in termini di affari nazionali ed internazionali, adesso, stroncati.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*