Lecce, che carattere: altro salto in alto. Oggi visita ai detenuti di Borgo San Nicola

A L'Aquila il Lecce ottiene il quarto successo esterno. La rete la firma Romeo Papini, il quale lascia la squadra in dieci per oltre un tempo. Domenica prossima sfida contro il Benevento

lecce carcere copy

LECCE-Sacrificato da Lerda nel secondo di L’Aquila, Fabrizio Miccoli offre una “ripresa” speciale nella casa circondariale di Borgo San Nicola, in visita ai detenuti, appassionati di calcio e non, tifosi del Lecce e nemici dichiarati perché a sfidarlo, in palleggio, c’è un tifoso di Cassano con maglia blucerchiata personale del calciatore barese .

Nel centro di detenzione si sono vissuti momenti distensivi alla presenza del capitano giallorosso, del tecnico Lerda e di alcuni compagni di squadra. Presente anche la vice presidente Giulia Tesoro. Un lunedì diverso insieme ai calciatori ammirati in tv, per interrompere giornate purtroppo vissute con la stessa monotonia. E lo stesso Miccoli a proporre, scherzosamente, una sfida di calcetto a chi si sta avviando ad un nuovo percorso.

Volti sorridenti anche per i calciatori del Lecce dopo il successo contro L’Aquila. I giallorossi hanno operato il sorpasso proprio ai danni degli aquilani e si sono piazzati al terzo posto in compagnia del Catanzaro prossimi avversari esterni, ma prima dovranno affrontare il Benevento. E’ questo il pensiero del tecnico Lerda. “Non guardo la classifica – afferma Lerda -, da martedì penseremo al Benevento, solo al Benevento”.

Quello di L’Aquila è stato un Lecce diligente, si è applicato da bravo studente. Qualità emerse sopratutto quando la squadra ha dovuto sopperire all’uomo in meno, già nel primo tempo. “Con l’uomo in meno ci si può sempre difendere se riesci a mantenere ordine e compattezza”, aggiunge il tecnico giallorosso.

All’avversario è stato concesso forse qualche palla inattiva di troppo, ma di più non si poteva. Per gli aquilani spazi chiusi. I giallorossi hanno occupato bene tutti gli spazi e non hanno rinunciato ad attaccare. Prova di grande maturità della formazione salentina priva di Miccoli, dopo l’intervallo, per scelta tecnica. “Con un uomo in meno – continua l’allenatore piemontese – era scontato togliere un attaccante, ma Miccoli mi è piaciuto per come si è mosso”.

Da sottolineare la crescita di Vinetot (tra i migliori) e la prestazione di un preziosissimo Salvi (tornato probabilmente ai livelli di inizio stagione).

Si apre così una settimana importante per il calciomercato: innanzitutto, a tenere banco saranno i rinnovi di Lopez e Amodio. In entrata si potrebbero registrare gli arrivi di Barraco (in uscita dal Latina) e di Neto Pereira, proveniente dal Varese

lecce carcere copy

 

 

lecce carcere2 copy

 

miccoli carcere copy