Tragedia a scuola, “Ciao Andrea… R.I.P.”: dolore e disperazione su Facebook

“Sono sempre i migliori che se ne vanno”, si legge su Facebook in un post dedicato al piccolo Andrea De Gabriele, lo studente 17enne di Campi Salentina precipitato da un'altezza di 15 metri. La tragedia nella succursale dello scientifico De Giorgi in via Pozzuolo

andrea

LECCE- In tv, su internet circola la notizia di una tragedia ancora difficile da accettare: Andrea De Gabriele non c’è più. E’ volato via alla giovane età di 17 anni.
Mancavano una decina di minuti alla fine della lezione di educazione fisica e nessuno avrebbe immaginato che da lì a poco sarebbe accaduto qualcosa di così tremendo, tanto da sconvolgere non solo Lecce, ma tutta Italia. Stando ad una prima ricostruzione dell’incidente, lo studente si sarebbe arrampicato su una grata di ferro per recuperare il suo giubbotto. È stata una questione di attimi: l’inferriata ha ceduto e lui è precipitato, facendo un volo di diversi metri.

grata

E da qui le urla di un compagno “Andrea, Andrea” che hanno attirato l’attenzione degli altri: «Quando siamo arrivati – ha affermato una ragazza – abbiamo visto il nostro amico sotto choc che non riusciva neanche più a parlare e allora ci siamo affacciati sulla grata e lo abbiamo visto lì, in fondo, per terra, è stato terribile».

Da quel momento è iniziata una lotta contro il tempo per salvare la vita ad Andrea. Un’ambulanza del 118 lo ha condotto d’urgenza al pronto soccorso del Fazzi dove i medici hanno cercato di fare il possibile per salvarlo. Ma, purtroppo, quelle ferite riportate in seguito alla caduta, sono state troppo gravi per consentire al cuore del 17enne di continuare a battere. E così, pochi minuti più tardi, Andrea è volato via.

Strazio, dolore, indignazione. Tanti i sentimenti che scuotono gli animi di tutti i suoi amici, in primis della sua famiglia. Difficile accettare la perdita di un figlio a questa giovane età, per giunta a causa di un simile incidente.

Si sarebbe potuto evitare? Qualcuno sapeva che quella grata era pericolosa? Tante le domande a cui si vorrebbe presto dare una risposta. Ma nel frattempo, nessuno purtroppo potrà far tornare in vita questo piccolo angelo. L’insegnante lo ricorda come un ragazzo tranquillo, splendido, meraviglioso.

Era anche un ragazzo con grande attenzione verso i bisognosi. Non a caso, di recente aveva scritto sulla sua bacheca Facebook: «Se avessi un milione di dollari , li investirei, aiuterei poi i poveri e i bisognosi: insomma, farei tutte le cose che fanno i ricchi, senza dimenticarmi degli altri».

Un ragazzo perfetto, pieno di sogni, un ragazzo “così bravo”, come dice la sua mamma Sabrina che ancora non si rassegna all’idea di aver perso il suo unico figlio ” in quel modo assurdo”.

Andrea ha lasciato un vuoto incolmabile e sin dai primi minuti, su Facebook e ovunque, chi più chi meno dona a lui un piccolo pensiero. Marco ha scritto sulla sua bacheca: “Andrea sei stato una delle persone migliori che io abbia mai conosciuto, non eri MAI triste o scontento per qualcosa, avevi sempre quel sorriso stampato in faccia. Può sembrare superficiale ma io da te ho imparato tantissimo, e ti ringrazio. Beh, è proprio vero, sono sempre i migliori che se ne vanno”.

Altri invece hanno commentato sotto il post della terribile notizia: “Che tragedia :-(( r.i.p., come ci è finito un giubbotto così in alto?”, “R.I.P.”, “ Ciao piccolo grande uomo…RIP”, “povero …riposa in pace”, “ Povera mamma, la nostra cara amica Sabrina”, “NON HO PAROLE SOLO LACRIME E UN GRANDISSIMO DOLORE AL CUORE”, “Dolore atroce. Ciao tesoro. Ciao Andrea, gioia mia….”, “Ma come si fa a trovare una spiegazione a tutto questo… mha? Pazzesco!”, “Una grande tragedia”.

Anche il sindaco di Lecce, Paolo Perrone,  ha voluto dedicare un pensiero su Fb ad Andrea: “E’ difficile convincersi che una vita possa fuggire via così. A 17 anni e in questo modo assurdo. Non ci resta che sperare di cuore che la famiglia di Andrea, in qualche modo, trovi la forza per andare avanti“.

Tutti oggi parlano di lui, tutti ricordano questo piccolo angelo strappato alla vita troppo in fretta. Non c’è giustificazione che possa lasciare il cuore in pace. Non c’è rassegnazione per una mamma costretta oggi a non dover più vedere il sorriso del suo bambino. E’ difficile, non è giusto….lacrime, rabbia, sconforto regnano indomabili, accompagnati da quell’amore struggente per lui: un angelo volato in cielo.

I funerali del povero Andrea De Gabriele si svolgeranno oggi Giovedì 9 Gennaio 2014 alle ore 15.30 a Campi Salentina presso la Chiesa di Santa Maria del Carmine, annessa al Convento dei Frati Cappuccini in Via Novoli angolo Corso Italia