Spaccata, furto e rapina: 72 ore da incubo per la città degli Imperiali

Prima una spaccata nel salone di una parrucchiera, poi il furto con scasso in un bar in nottata e, infine, una commessa derubata questa mattina. Ore da incubo, a Francavilla Fontana, dove la criminalità alza il t

apertura

BRINDISI- Una spaccata, un furto con scasso ed una rapina, per colpi diversi perpetrati nel giro di appena 2 giorni e mezzo. A cavallo, cioè, tra la vigilia dell’epifania e il rientro alla normalità post vacanze natalizie. Ma di normalità, almeno nella Città degli Imperiali, almeno sotto l’aspetto della criminalità, non c’è davvero nulla.
Alla spaccata del 5 gennaio presso il salone di una parrucchiera del posto in via Ribezzo, con ladri talmente coraggiosi da agire nel primo pomeriggio per un colpo incapace di procurare guadagni, si aggiungono il furto con scasso al bar Via vai Cafè di via Renato Imperiali e la rapina in mattinata ai danni di una commessa di una rivendita di articoli per il corpo e per la casa. Colpi diversi, si diceva. Ma la criminalità dopo aver imperato nel capoluogo, sembra essersi spostata nella Città degli Imperiali.

Intorno alle 4, con un buco nella saracinesca, ignoti si sono introdotti all’interno del bar di proprietà di Emiliano Andriulo. Quindi, dopo aver messo a soqquadro il locale, cercando denaro contante tra mobilio e registratore di casa, sono fuggiti via con una trentina di euro in contanti, una slot machine e una macchinetta cambia soldi. Nessuno ha ovviamente visto nulla. Mentre il bottino, in via di quantificazione, dovrebbe aggirarsi intorno ai mille euro complessivi.

Qualche ora dopo, in mattinata, verso le 9, una commessa 37enne di Acqua e Sapone, negozio sito in via largo Cappucci, mentre era a bordo della sua auto in via Gorizia, è stata avvicinata da uno scooterone con a bordo due uomini, a volto coperto dall’immancabile casco integrale.Era diretta in banca, per versare 3 giorni di incasso. Ma, capita la mala parata, la donna ha consegnato subito la borsa ai due banditi prima ancora che dal giubbino venisse estratta l’arma, solo intravista dalla dipendente.

Il bottino, ingente, dovrebbe aggirarsi intorno ai 5mila euro.

Su questi episodi, indagano ora i carabinieri della Compagnia di Francavilla e i militari del Nucleo Operativo Radiomobile che, agli ordini del maggiore Giuseppe Prudente e del tenente Roberto Rampino, sono ora chiamati ad individuare i responsabili di un trittico di colpi criminosi inedito, nell’ultimo periodo, nella Città degli Imperiali.

bar

acqua e sapone