Lecce, Bogliacino: “Attacco vario e Miccoli non è una prima punta”

“Né io né Miccoli siamo prime punte; Beretta e Miccoli lo sono. Il nostro attacco è un mix di qualità. Contiuiamo così, il campionato è lungo”

bogliacino

LECCE- “Né io né Miccoli siamo prime punte; Beretta e Miccoli lo sono. Il nostro attacco è un mix di qualità. Contiuiamo così, il campionato è lungo” . Ad affermarlo non è il capitano della squadra giallorossa, ma un calciatore di esperienza che ha calcato anche i campi di serie A, ha affrontato calciatori navigati, si è calato nuovamente nel clima della serie C, ha digerito (o forse no) l’amarezza della passata stagione e oggi, dopo la vittoria sofferta contro la Salernitana si lascia andare a dichiarazioni, forse anche banali, ma che fanno anche luce su un passato recente e amaro.
A far sì che il Lecce brindasse nella maniera migliore al nuovo anno è stato un suo gol, un suo calcio di punizione deviato provvidenzialmente da un difensore avversario. Non sono mancate le difficoltà: la Salernitana è arrivata al Via del mare con le vesti di una squadra alla ricerca disperata di punti, assumendo un atteggiamento tipico delle squadre che vogliono strappare un punto. Sul doppio ascensore del girone B, Lecce e Salernitana hanno compiuto percorsi inversi: i giallorossi sono saliti di molti piani, la Salernitana invece si è ridimensionata notevolmente.

La matrice tattica scelta dal tecnico giallorosso sta pagando. Quattro-due-tre-uno: se la difesa subisce poco, l’attacco non è un carro armato, ma con la nuova gestione tecnica è rimasto a secco solo in tre occasioni: a Perugia, contro il Barletta e a Pontedera. Paga anche la formula con il tris di trequartisti e un terminale offensivo. In quest’ultimo ruolo si è calato, con alterne fortune, Fabrizio Miccoli.

Un mix che cerca di non dare riferimenti alle difese avversarie con il capitano capocannoniere con sei gol (insieme a Zigoni) che spesso si sottrae alla morsa degli avversari tornando a illuminare l’azione e forse andando a togliere spazio allo stesso Bogliacino, in qualche puntata offensiva avulso dalla manovra che spesso si sviluppa sulle corsie esterne e chiusa con cross che meriterebbero la presenza di colpitori di testa.  Intanto, in vista della trasferta contro L’Aquila Miccoli seguirà un programma personalizzato a causa di un fastidio al flessore.