Fuga in mare, sul gommone 3 quintali di Marijuana

Viaggiava con un carico di marijuana pari a due milioni di euro. Fermato giovane albanese bloccato in mare, a San Cataldo, dopo una rocambolesca fuga. Sequestrati oltre 3 quintali di marijuana.

guardia-di-finanza

SAN CATALDO- Disposto a tutto pur di sfuggire alla cattura. Anche ad affrontare il mare gelido. E infatti, alla vista di una motovedetta della Guardia di Finanza, non ha esitato a gettarsi in acqua, rischiando l’assideramento. Protagonista, un 22enne, di origini albanesi, che attualmente si trova in stato di fermo.

Il carico che aveva con sé sul gommone, 30 borsoni pieni di marijuana, non poteva certo passare inosservato, e infatti, un pescatore, insospettito da quella presenza, ha allertato le forze dell’ordine. Teatro della vicenda, lo specchio di mare antistante l’oasi naturale delle Cesine, tra Vernole e San Cataldo.

Un pescatore del posto, non appena ha scorto il gommone, lungo 5 metri, con a bordo il ragazzo e soprattutto i borsoni, ha intuito che qualcosa non quadrava.

Immediatamente si è attivato il dispositivo interforze previsto per situazioni simili: guardia di Finanza, capitaneria di Porto e Polizia di Stato hanno circondato il natante sospetto.

I primi ad arrivare via mare sono stati gli uomini della sezione, navale della guardia di Finanza di Brindisi, insieme alle motovedetta della Capitaneria di Porto di Otranto. A pattugliare la zona, anche i reparti operativi aeronavali di Bari e Taranto.

Il giovane albanese ha tentato una rocambolesca fuga a nuoto. Bloccato, è stato condotto in questura, a Lecce. Il gommone è stato recuperato e sequestrato insieme al suo carico illegale, 3 quintali e mezzo di marijuana. Le indagini proseguono per individuare eventuali complici del 22enne e a chi fosse destinata la sostanza stupefacente.