Petardi inesplosi: feriti otto ragazzini tra Taranto e provincia

Maneggiano grossi petardi artigianali inesplosi e restano feriti. Si tratta di 8 ragazzini, tra i 9 e i 13 anni

petardi

TARANTO- Otto ragazzini, tra i 9 e i 13 anni, sono rimasti feriti questo pomeriggio, in tre differenti episodi avvenuti a Taranto e provincia, dopo aver maneggiato grossi petardi artigianali inesplosi, lanciati probabilmente durante la notte di Capodanno, che invece sono deflagrati nelle loro mani.

I ragazzini hanno trovato gli ordigni vicino alle loro abitazioni e, in seguito all’esplosione, sono stati costretti a far ricorso alle cure dei sanitari dell’ospedale ‘Santissima Annunziata’ di Taranto. Per sei di essi si e’ reso necessario il ricovero nel Centro Grandi Ustioni dell’ospedale ‘Perrino’ di Brindisi. Uno degli incidenti si e’ verificato a Manduria intorno alle 13: quattro ragazzini, di cui due fratelli, sono stati trasportati all’ospedale civile per le ferite e le ustioni riportate a seguito dell’accensione della polvere pirica contenuta in un grosso petardo artigianale.

Uno di loro se la cavera’ con dieci giorni di prognosi, mentre per gli altri tre ragazzi i sanitari hanno ritenuto necessario il ricovero a Brindisi poiche’ affetti da ustioni sul corpo e al volto di primo, secondo e terzo grado.