Proteggiamo dai fuochi anche gli amici a 4 zampe

Il pericolo dei botti non è solo per noi umani. Anche per i nostri amici animali ogni fuoco è un pericolo per la loro salute. E allora qualche consiglio per proteggerli e rassicurarli.

botti animali

LECCE- Chi ha un compagno a quattro zampe lo sa. La notte del 31 può una essere una festa per gli umani. Ma un vero e proprio tormento per gli animali. E’ il risvolto della medaglia di una notte trascorsa a sparare fuochi e botti all’impazzata. Perché se a nulla servono le infinite raccomandazioni di forze dell’ordine e di medici sulla pericolosità di certi intrattenimenti, allora chiunque ne fa uso dovrebbe pensare che a rimetterci la vita sono ogni anno decine di animali.

Gli uccelli, ad esempio, sono le prime vittime di questa malsana abitudine. Terrorizzati dai rumori fuggono dagli alberi sbattendo contro muri o tralicci ad alta tensione.

E non solo. Perché anche cani e gatti possono non passar illesi la notte tra il vecchio e il nuovo anno. Sono purtroppo tanti i casi in cui randagi o compagni di vita casalinghi sono morti per il terrore dei botti di fine anno. Ciò che le orecchie umane percepiscono è decine e decine di volte inferiore a ciò che, invece, le orecchie dei nostri fidati compagni a quattro zampe captano. Il rumore diventa per loro insopportabilmente forte e causa di immenso dolore.

Infarti, collassi, fughe che causano investimenti. Sono tutte conseguenze dei botti di capodanno.

E allora per chi vive da poco con il proprio fidato amico ecco qualche consiglio per affrontare serenamente il passaggio al nuovo anno.

1 – non mostrarsi troppo protettivi, alimenta le loro paure. Coccolatevelo e rassicuratelo come siete soliti fare in giornate normali fingendo che no ci sia nulla di diverso.
2 – sia che vivano fuori in giardino o che vivano all’interno della casa, teneteli con voi in appartamento e possibilmente in una stanza più lontana possibile dai rumori.
3 – minimizzare l´impatto dei botti accendendo la musica o la televisione ad un volume sufficiente da coprire i rumori almeno in parte i rumori esterni
4 – non tenerli legati alla catena potrebbero strozzarsi
5 – passeggiare con il cane saldamento al guinzaglio, facendo attenzione per i cani anziani e cardiopatici. Non slegatelo dal guinzaglio. Al primo botto potrebbe spaventarsi e fuggire via.
se possedete un gatto non guardatelo dritto negli occhi, potrebbe renderlo aggressivo.

Se invece conoscete già la reazione del vostro cane o del vostro gatto e volete aiutarlo, non scegliete rimedi fai da te ma consultatevi con il vostro veterinario così da potergli dare qualche sedativo naturale che possa tranquillizzarlo per tutta la serata.

Ricordate però che ci sono tanti cani randagi che non possono essere così fortunati da avere accanto chi saprà protegggerli e tranquillizarli. Quindi… prima di acquistare botti rumorosi e pericolosi, chiediamoci: loro avrebbero mai fatto nulla che potesse terrorizzare noi così?