Donna scomparsa a Santo Stefano, l’ex: “Corpo in campagna a Castellaneta”

Avrebbe confessato l'ex della donna scomparsa lo scorso 26 dicembre: "Ho nascosto il corpo nelle campagne di Castellaneta dopo averla strangolata"

carabinieri

BARI- “Ho nascosto il corpo nelle campagne di Castellaneta dopo averla strangolata”. Sarebbe questa la confessione resa da Nunzio Proscia, 40anni, arrestato nella notte dai carabinieri. Il movente è la gelosia. L’uomo avrebbe confessato il delitto della donna di 42 anni, Francesca Milano, scomparsa nel giorno di Santo Stefano, a Gioia del Colle, nel barese.

L’uomo l’avrebbe strangolata prima di nascondere il corpo nelle campagne di contrada Tafuri di Castellaneta.  L’uomo aveva scoperto che la compagna aveva creato un falso profilo Facebook sotto un altro nome finchè non le ha messo le mani al collo e l’ha soffocata. Ha poi caricato il cadavere in auto e l’ha portata nelle campagne di Castellaneta. Proscia è stato interrogato per ore ieri sera e alla fine ha ammesso le proprie responsabilità, facendo trovare nella notte il cadavere della donna nella contrada Tafuri di Castellaneta.