Numeri da record per il tuffo di Capodanno

95 tuffatori, tra cui anche donne e famiglie intere, per la quinta edizione del tuffo di Capodanno. Un appuntamento per coraggiosi diventato ormai una tradizione tutta brindisina.

TUFFO

BRINDISI- Con 95 tuffatori iscritti, tra cui otto donne e un’intera famiglia, il “Tuffo di capodanno” ha già battuto il record di iscrizioni dello scorso anno. Questa, la quinta, potrebbe essere infatti l’edizione delle edizioni.
L’appuntamento del primo gennaio che si è aggiudicato il Patrocinio del comune di Brindisi ha infatti abbattuto tutti i primati conquistati negli anni precedenti. Sono passati ormai ben cinque anni da quando nel 2010 un gruppo di sette amici trascinati dall’ideatore Gino Crastolla e dall’amore per il mare , hanno dato vita all’evento che coinvolse 36 partecipanti nella seconda edizione, 58 nel 2012 e 108 nel 2013. Quest’anno l’evento sarà presentato dal noto giornalista brindisino Nico Lorusso e patrocinato dal comune e dalla camera di commercio di Brindisi in favore dei progetti del reparto di radioterapia del Perrino è , dunque, un’iniziativa benefica ma anche un modo alquanto particolare di iniziare l’anno nuovo.

L’appuntamento è per il primo dell’anno, alle 10.30, presso La Conca sulla litoranea nord di brindisi zona Sciaia. Previsto un momento religioso con la benedizione delle acque e a partire dalle ore 11 il conto alla rovescia e il caratteristico momento del tuffo, aperto a tutti gli interessati e a quanti vogliono provare l’ebbrezza di un bagno in mare in pieno inverno ed il “Brindisi” finale come un augurio per il nuovo anno.

Un appuntamento coreografico, pittoresco e, soprattutto, per soli coraggiosi. Per chi, il primo giorno dell’anno, è pronto ad una levataccia. Per chi, il primo giorno dell’anno, è pronto a sfidare il freddo, il gelo, qualsiasi malanno di stagione. Per chi, il primo giorno dell’anno, è pronto a condividere la passione per il mare, simbolo di una comunità che no, non è solo carbone.