Lecce, la parola dei tifosi: “Possiamo andare in B, senza play off”

Tra i tifosi del Lecce c'è ottimismo sul girone di ritorno che attende i giallorossi: i sostenitori leccesi sono convinti che Miccoli e compagni possano centrare la promozione diretta in B

lecce calcio

LECCE- Con la scalata in classifica del Lecce cresce anche l’ottimismo dei tifosi giallorossi. Anche se le presenze per le sfide interne non fanno sicuramente sorridere la dirigenza. Dai 2.946 paganti di Lecce-L’Aquila, partita d’esordio della formazione leccese allenata da Moriero, ai 774 tifosi che hanno pagato il biglietto per assistere a Lecce-Grosseto.

Numeri da almeno una categoria inferiore. Solo nell’ultima apparizione del Lecce al Via del mare contro il Pisa (dopo la sconfitta di Frosinone) il numero è cresciuto: sono stati contati, infatti, 1.449 biglietti staccati ai botteghini e nelle ricevitorie autorizzate. Un trend che forse è destinato a crescere sopratutto se Miccoli e compagni continueranno a inanellare risultati e vittorie, uno dietro l’altro, scalando posizioni in classifica e rosicchiando punti alle squadre che precedono in classifica.

Ben undici i posti occupati fino a raggiungere il quinto posto attuale. Ora il primo posto è visibile sebbene ancora lontano, ma per i tifosi è raggiungibile.

Nel girone di ritorno la squadra giallorossa avrà a disposizione 16 partite per mettere la testa al di sopra di tutto e tutti sperando che le squadre con le migliori credenziali per la promozione diretta (finora Perugia e Frosinone) riducano la loro marcia. I giallorossi proveranno ad emulare quanto fatto dal Carpi nella passata stagione, ma per Miccoli e compagni sarebbe qualcosa di straordinario  essendo rimasti ultimi in classifica e fermi ai blocchi di partenza per ben cinque giornate.

Con il girone di ritorno presto torneranno a disposizione calciatori che si potranno considerare acquisti “in casa” dopo i vari guai muscolari che ne hanno rallentato l’inserimento in squadra. Parliamo dei vari Bellazzini, Sacilotto e Bencivenga, ma ci potrebbero essere anche dei “tagli” per coloro che finora hanno trovato pochissimo spazio come il portiere Petrachi, i difensori Ferrero e Nunzella. In un modo o nell’altro deve essere un Lecce da spingere sempre più in alto.