Tablet alle parrocchie, il curioso dono del vescovo di Oria

Natale di crisi, ma non per la Diocesi di Oria. Il vescovo Pisanello regala 4mila tablet alle parrocchie e innesca un’inevitabile polemica.

tablet-natale

ORIA- Più che in linea con i precetti dettati da Papa Francesco, il regalo natalizio del Vescovo di Oria Monsignor Vincenzo Pisanello sembra essere più… ummm, come dire, da Vaticano rinascimentale. Anche se il regalo, di per se, è altamente tecnologico.
Con i soldi dell’8 per mille, il Vescovo ha infatti deciso di regalare alle parrocchie della diocesi ben 4mila tablet, costo medio circa 100 euro, che permetteranno ai parroci di rimanere in contatto tra loro e utilizzare i servizi online forniti dalla curia.

Una sorta di salto tecnologico, insomma, anche per le Chiese della provincia che, però, non mancherà di suscitare polemiche, anche piuttosto accese, tra chi ritiene che,c on questo dono natalizio, si vada contro il caro vecchio concetto, più volte ripetuto proprio dal Pontefice argentino, di dare ai poveri.

Conti alla mano, infatti, la spesa dovrebbe essere di circa 40 euro. Una bella sommetta che poteva magari essere utilizzata per altri scopi, ugualmente benefici. Tipo, non so, magari siamo all’antica, comprare cibo per i più poveri, o maglioni ai bambini. Ma chi siamo noi per giudicare? Nessuno, anche perché il tablet ce lo abbiamo già. E da Natale, potremo usarlo per comunicare pure noi con la curia. A cui non mancheremo di rivolgere qualche domanda.