Rapinato in strada per 28mila euro. In cambiali

Misteriosa rapina, ieri, a San Pietro vernotico dove un agente di una società di riscossione si è visto sfilare una valigetta piena di cambiali per 28mila euro. Gli investigatori non escludono alcuna pista.

rapina

SAN PIETRO VERNOTICO- Non solo banconote, ora a ruba vanno anche le cambiali, come quelle che, per un valore di 28mila euro, sono state sottratte ad un agente di una società di gestione crediti a San Pietro Vernotico. L’uomo, un 54enne, è stato avvicinato, a mezzogiorno di martedì, da un centauro a bordo di un grosso scooter, con volto coperto da casco integrale e armato di pistola. Proprio l’arma è stata utilizzata per minacciare l’agente di San Pietro e socio dello studio amministrativo associato Pezzuto-Panzera con sede nel capoluogo adriatico.

Si trovava in via Carmine e si stava recando, a piedi, nei pressi del suo studio dopo aver preso in consegna, da uno studio notarile, dei titoli di credito.

A pochi metri dall’ingresso, però, il rapinatore ha sbarrato la strada all’uomo e, con l’arma ben puntata, lo ha intimato di consegnargli la valigetta con all’interno il prezioso contenuto. Il fatto è accaduto in pieno centro, in un orario di punta. Eppure, nessuno sembrerebbe aver visto nulla. Compresa la fuga del criminale che si è quindi dileguato senza lasciare traccia.

Sull’episodio, indagano ora i carabinieri della locale stazione che non escludono alcuna pista. Potrebbe infatti trattarsi di una semplice rapina, perpetrata da chi, in quella valigetta, pensava di trovare denaro contante. Ma non si può escludere che il rapinatore fosse tutt’altro che sprovveduto e che, quindi, magari, puntasse proprio al contenuto della valigetta. Ovvero, 28mila euro in cambiale. Ovviamente non riscuotibili da parte del delinquente. Ma, al momento, neppure da parte del creditore, rimasto a mani vuote.