Ecotassa, Forza Italia: “No all’emendamento della sinistra. Responsabilità della Regione”

Sull'ecotassa continua lo scontro: la maggioranza in regione è riuscita a trovare un accordo, ma Forza Italia non accetta la proposta e punta il dito sulla Regione: “Vendola è il principale inadempiente per non aver realizzato gli impianti di compostaggio”.

forza italia

LECCE– I consiglieri di maggioranza e Vendola hanno trovato la quadra: punteranno sull’aumento dell’ecotassa dal primo gennaio del 2014 per tutti quei comuni che fino ad allora non dimostreranno di aver aumentato la raccolta differenziata del 5 per cento. La maggioranza, quindi, su questo emendamento si presenterà compatta in aula. Esiste già una tassa per il “ ristoro ambientale” relativa ai rifiuti: oggi si discute, in realtà, di un considerevole aumento. Forza Italia, però, non ci sta: in una conferenza a Lecce ha spiegato le sue ragioni.

“La responsabile di questo fallimento è da imputare alla Regione Puglia” – ha spiegato l’assessore provinciale Macculi. Carte alla mano l’ex presidente Ato ha puntualizzato che il ciclo dei rifiuti non è stato mai chiuso dalla Vendola e che la Regione non ha realizzato gli impianti di compostaggio dove sarebbe dovuto andare l’umido e proprio per questa ragione tanti comuni sarebbe indietro nella raccolta.

“C’era un accordo con Vendola nel 2008 per realizzare un impianto di compostaggio – chiosa l’assessore provinciale – ma non è stato mai realizzato. La Regione è la principale inadempiente”. Macculi non assolve i comuni che non si sono dati da fare per educare la cittadinanza e aumentare la differenziata, ma non accetta che la Regione carichi tutte le responsabilità sui comuni.