Tragedia a Costa Morena, ancora in prognosi riservata il marinaio napoletano

Tragedia al porto di Brindisi, mentre continuano le indagini per determinare eventuali responsabilità nella morte del camionista greco schiacciato ieri dal suo Tir, resta in prognosi riservati il marinaio Napoletano ferito, trasferito al Fazzi di Lecce. E stasera, la Sorrento lascia Costa Morena.

ospedale di Lecce

BRINDISI- Frattura ad una costola e varie contusioni, per una prognosi che, dall’ospedale Vito Fazzi di Lecce, resta riservata. Ma non corre pericolo di vita il marinaio napoletano 27enne, ieri rimasto ferito durante la tragica manovra che, all’interno del traghetto Sorrento della Compagnia Grimaldi, ha portato alla morte dell’autista di origine greca Vasilleyos Argyropoulos, 57enne deceduto sul colpo e schiacciato dal suo stesso camion.

Sull’episodio indagano la Polmre, la Capitaneria di porto e gli uomini della Spesal che cercheranno di chiarire le dinamiche e, quindi, eventuali responsabilità per quello che resta un tragico incidente sul lavoro.

Se Capitaneria e Polmare si occupano delle indagini in senso stretto, ai tecnici dello Spesale toccherà invece ricostruire punto per punto le procedure messe in atto durante le fasi di sbarco dei tir e delle auto che si trovavano a bordo del traghetto. La nave non risulta sequestrata e, anzi, già in serata salperà alla volta di Igoumenitza per lasciare Costa Morena.

Indicativo che, al momento, non risultino iscritti nel registro degli indagati. Secondo una prima ricostruzione della dinamica, ancora priva di ufficialità, il dramma si è vissuto intorno alle 10,30, quando l’autista sarebbe salito con la sua motrice sulla nave per agganciare un rimorchio. Operazioni di routine, ma qualcosa deve essere andato storto. Per motivi ancora tutti da chiarire, il tir in manovra avrebbe investito il marinaio della Grimaldi, di origini napoletane. Le sue urla hanno quindi messo in allerta il conducente del mezzo pesante, che ha lasciato la cabina per controllare che cosa fosse accaduto. Poi, nel tentativo di risalire sul camion, probabilmente lasciato senza freno a mano attivato, l’ellenico sarebbe stato schiacciato dal mezzo.

Subito è stato lanciato l’allarme ai mezzi di soccorso, ma quando le ambulanze del 118 sono arrivate sulla nave, per il 57enne non c’era più nulla da fare. Morto sul colpo, a causa dei traumi riportati. Il marittimo, invece, è stato immediatamente trasportato all’ospedale Perrino di Brindisi , per poi essere trasferito a Lecce.

L’incidente di lunedì è il secondo mortale in pochi mesi sulla Sorrento dove, nella notte fra il 9 e il 10 luglio scorso, nel porto greco di Igoumenitsa perse la vita un altro autista, di origini bulgare. Ma la maledizione della Grimaldi conta di un altro incidente, a fine settembre, nel porto di Bar, in Montenegro, dove a perdere la vita fu il marittimo napoletano Gioacchino Moscariello, di 57 anni.