Ecotassa, Perrone a Blasi: “Protegga i pugliesi dai rischi che il governo regionale sta facendo correre loro”

Il Sindaco di Lecce replica a Blasi: "Faccia in consiglio regionale ciò per cui è stato eletto: protegga i pugliesi dagli errori del suo stesso governo regionale”

paolo perrone

LECCE- “Invece di parlare a vanvera, Blasi faccia in consiglio regionale ciò per cui è stato eletto: protegga i pugliesi dagli errori del suo stesso governo regionale”. Non si è fatta attendere la controreplica del sindaco di Lecce, Paolo Perrone, al segretario regionale del Pd, Sergio Blasi, che intervenendo sulla questione ecotassa, ha dichiarato: “Se nel Salento il ciclo dei rifiuti non è chiuso ci sono pesantissime responsabilità degli uomini di Fitto e di Perrone”.
Una presa di posizione senza capo né coda – secondo il sindaco Per il segretario – afferma Perrone – la colpa non è mica della Regione Puglia al governo da nove anni con “Blasi consigliere” da quattro – che ha approvato soltanto lo scorso novembre, dopo un ritardo di anni, il Piano dei Rifiuti.

Un Piano votato dallo stesso segretario del PD. Sempre secondo il consigliere del PD, non è di certo responsabilità della Regione Puglia se gli impianti utili a chiudere il ciclo dei rifiuti non sono stati realizzati perché le risorse dei pugliesi gestite dalla Regione (risorse europee del PO 2006-2013) sono state messe a disposizione dei territori (solo a parole) alla fine della scorsa estate e se – chissà per quanto – resteremo in attesa di quelle della programmazione 2014-2020 per ultimarlo. Il segretario deve ricordare, con tutta umiltà, di sedere in consiglio regionale perché i cittadini lo hanno votato e con la loro preferenza lo hanno incaricato di difendere le ragioni di questo territorio.

E allora – conclude Perrone – protegga i pugliesi dai rischi che il governo regionale sta facendo correre loro.