Nuovo Centrodestra, gli ex Udc attaccano gli ex Pdl: “Da loro, tracotanza a delirio di onnipotenza”

Si infiamma la polemica interna nel nuovo centrodestra in provincia di Brindisi. I ferraresiani attaccano i 4 ex Pdl di Francavilla, accusati di “tracotanza e delirio di onnipotenza”. E frenano su Sgura candidato sindaco.

nuovo-centrodestra-simbolo-alfano-3

FRANCAVILLA- “Tracotanza e delirio di onnipotenza“. E’ questo il commento che gli esponenti di Nuovocentrodestra, fazione Ferrarese, riservano senza peli sulla lingua ai 4 ex Pdl Bungaro, Andrisano, Fumagalli e D’Alema, qualche ora prima in conferenza per annunciare ufficialmente la nascita di Nuovo Centrodestra a Francavilla Fontana. Fazione Friolo.

E ora, da fredda, la guerra diventa decisamente calda perché il presidente di circolo Luigi Galiano e il coordinatore cittadino di Noi Centro Mimmo Bianco ribattono alle dichiarazioni rese dai quattro ex amministratori al cospetto del capogruppo regionale Maurizio Friolo. In primis,sul candidato sindaco che, per gli ex Pdl, è AntoniO Sgura.

“ In virtù di ciò che è stato detto dai massimi vertici nazionali e cioè – scrivono Bianco e Galiano -che il NCD non è né una costola né un cespuglio di altri partiti, non capiamo come si possa accettare, proni e senza colpo ferire, la scelta a Francavilla di un candidato sindaco frutto delle primarie di un altro partito senza prima confrontarsi. Abbiamo creato un grande partito all’interno del quale, ed in maniera democratica, saranno risolte tutte le questioni più delicate. La prima dovrà necessariamente essere quella delle alleanze da tenere in questa Città per le prossime amministrative. La seconda questione riguarda il percorso democratico che il NCD dovrà compiere per giungere – precisano i ferraresiani – alla indicazione del proprio Candidato Sindaco”

A margine, Bianco e Galiano premono sulle differenze tra il nuovo e il vecchio centrodestra. E saranno proprio le “nuove logiche”, secondo i centristi, a portare all’individuazione del candidato sindaco.

Ma la storia, ovviamente, non finisce qui. Perché l’affondo finale è dedicato proprio a Friolo che, fondamentalmente, viene messo in guardia in vista delle prossime regionali.

“Coerentemente al principio di forza elettorale che l’NCD esprime in Francavilla, nel rispetto del principio di una proporzionale rappresentatività della nostra Città, riteniamo quanto mai opportuno – si legge nella nota – richiedere una necessaria rappresentanza in consiglio regionale della Città di Francavilla Fontana e per questo il candidato, verrà scelto, dopo un lungo confronto democratico, tra tutti i membri del Nuovo Centrodestra Francavillese”. Come dire … caro Maurizio, ti faremo concorrenza per un posto in Regione.

La conclusione del pezzo, invece, la dedichiamo all’attacco del comunicato stampa. “La tracotanza mista al delirio d’onnipotenza – scrivono galiano e Bianco – può riservare brutte sorprese e dato che la verità assoluta è una grande rarità, nell’attesa noi prediligiamo l’umiltà”.

Insomma, finalmente la maschera è stata gettata. E per la leadership del partito Alfaniano in provincia di Brindisi e a Francavilla si preannuncia guerra vera. Né fredda, né calda. Probabilmente sanguinosa.