Rapina ad imprenditore: spari contro la compagna e dipendente legato ad albero

Terrore a Martina Franca: rapinato noto imprenditore nella sua masseria. Sparata ad una gamba la compagna e legato ad un albero un suo dipendente. Tre i banditi in azione, fuggiti con 10 mila euro.

spari

MARTINA FRANCA- Spari, sangue e violenza nella rapina ad un noto imprenditore di Martina Franca. Un colpo da 10 mila euro e con tre vittime. Assalito infatti non solo l’uomo, ma anche la sua compagna, gambizzata, ed un suo dipendente, bloccato e legato ad un albero. Serata spaventosa per i tre che si sono visti aggredire da tre uomini. Tre volti anonimi perchè incappucciati. E mani evidentemente molto pericolose. Uno di loro infatti impugnava una pistola che poi non ha mancato di utilizzare. La ricostruzione dei fatti fa pensare ad un piano studiato a tavolino. La banda di criminali evidentemente conosceva orari e spostamenti del commerciante. Si è fatta trovare cosi nella masserria dell imprenditore e, presso cui , di lì a poco, sarebbero arrivate le “prede”. Siamo in agro di Martina Franca, sulla via per Cisternino.

È sera, le 21:30 circa, ed i rapinatori, forti del buio, hanno potuto nascondersi meglio, in attesa di agire. Il primo ad arrivare, a bordo della sua auto, il dipendente, minacciato con la pistola e legato ad un albero. Poco dopo, a cadere nella trappola, la coppia.

L’imprenditore e la sua compagna, arrivati in masseria sempre in auto. Bloccata anche la seconda vettura, i rapinatori hanno costretto i due a scendere dal mezzo. Dopo di che l’uomo che impugnava l’arma ha sparato un colpo contro la donna, ferendola alla gamba sinistra. Pochi minuti ma di inaudita violenza ed i tre sono stati trascinati in casa con forza.

Qui i rapinatori si sono fatti consegnare l’incasso della giornata lavorativa del commerciante. Un bottino pari a 10mila euro. Solo una volta ottenuto quanto volevano, hanno mollato la presa e, sono fuggiti, dileguandosi a piedi tra le campagne martinesi, sempre ben coperti dalla notte. Le tre vittime si sono invece recate in ospedale e, dal pronto soccorso, è stata chiamata la polizia. Medicata la compagna dell imprenditore che per fortuna non ha riportato lesioni particolarmente gravi. I tre malcapitati sono stati ascoltati dagli Agenti del Commissariato di Martina Franca e della Squadra Mobile di Taranto ai quali ora sono affidate le indagini.