Usura e racket, nemici da combattere anche a Natale

Convegno su racket e usura ieri sera a Castello Imperiali, dove si è affrontato il tema dell'economia legale e degli aiuti delle banche. Il presidente della Fai Scandurra: “Confronto utile per combattere la criminalità”

usura

BRINDISI- “L’Economia legale conviene e premia”. Almeno sulla carta. Visto che se tanta gente, sull’orlo della disperazione, si rivolge agli strozzini è evidente che qualcosa, nei complessi meccanismi del mondo delle banche, evidentemente non funzione. Per questo, è giusto parlarne, confrontarsi. E’ accaduto in un convegno ad hoc inserito dall’Associazione Antiracket di Francavilla Fontana all’interno della campagna Natalizia della Federazione delle Associazioni Antiracket, i cui vertici nazionali e regionali, accompagnati da istituzioni, forze dell’ordine ed esponenti del mondo dell’economia hano presenziato nella sala Grande di Castello Imperiali.

A spiegare le finalità dell’appuntamento, il presidente nazionale della Fai Pippo Scandurra e il coordinatore regionale Renato De Scisciolo In platea, tanti imprenditori, tante associazioni. Tanti, anche, gli studenti delle scuole del territorio. Al centro del tavolo, invece, il prefetto di Brindisi Nicola Prete che ha tracciato un’analisi su quella che è la situazione, in termini di criminalità, nella provincia adriatica.

Insomma, mai abbassare la guardia. Anche a Natale. Anche sotto le stelle.