Soleto, fotovoltaico sporco: chiesto il processo per 16

Fotovoltaico sporco tra soleto e corigliano. Il pm antonio negro ha chiesto il rinvio a giudizio tutti e 16 gli indagati. 2 le posizioni stralciate perchè le accuse si sono prescritte

fotovoltaico

SOLETO- Il sostituto procuratore Antonio Negro ha appena avanzato la richiesta di rinvio a giudizio per i 16 indagati coinvolti nell’inchiesta sul fotovoltaico sporco tra Soleto e Corigliano. La richiesta ora finirà sulla scrivania di un giudice che fisserà la data per l’udienza preliminare.
Due le posizioni stralciate, per cui il pm ha chiesto l’archiviazione. Si tratta di quelle di Maria Teresa Merico, 72 anni, di Santa Cesarea Terme, legale rappresentante della Calora e Giancarlo Rizzo, 46 anni, di Soleto, legale rappresentante della Rizzo Strade. La accuse mosse nei loro confronti sono andate prescritte.

Le accuse mosse a vario titolo nei confronti degli altri, tra cui l’imputato numero uno, di recente tornato in carcere, Fabio Ancora, 45enne di Soleto, rappresentante legale della Tecnolihts, sono quelle di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti, frode alle pubbliche forniture, falsità ideologica, truffa aggravata, corruzione, falsità materiale e abuso d’ufficio.