Parcheggi, via alle restrizioni. Guerra tra commercianti e residenti

Scoppia la guerra tra residente e commercianti del borgo di Taranto sui parcheggi nel centro. Da domani stop, ai permessi di sosta pomeridiana nelle strisce blu a pettine.

strisce blu

TARANTO- Scoppia la guerra a Taranto, tra i residenti e commercianti del borgo per i parcheggi nel cuore della città. Casus belli l’ordinanza emessa dal comandante dei vigili Michel Matichecchia che dal sei dicembre a 31 gennaio limiterà il permesso di parcheggio, per i residenti del centro, nelle ore pomeridiane, durante le festività. Una ordinanza pensata per favorire il commercio e incentivare lo shopping natalizio, e poi oltre, anche quello in saldo.
Da domano dunque, 6 dicembre 2013, e fino al 31 gennaio 2014, scatta la “limitazione temporanea della validità dei permessi residenti” nel quadrilatero compreso tra corso Umberto, via Giovinazzi, via Anfiteatro, via Duca degli Abruzzi. Il provvedimento sarà coordinato e gestito dall’Amat, con gli ausiliari che potranno elevare multe alle auto fuori posto che non pagheranno la sosta.  ,In sostanza i residenti del centro non potranno utilizzare il permesso di parcheggio nelle strisce blu a pettine durante il pomeriggio.

Tra corso ai Due Mari e via Pacoret il totale dei posti è 5303 e gli stalli “a pettine” nei quali è sospesa la validità dei permessi gratuiti dei residenti sono 520.

L’iniziativa è stata adotta spiegano all’azienda urbana dei trasporti. Dall’amministrazione comunale d’intesa con Amat spa, su sollecitazione delle associazioni dei commercianti alla ricerca di soluzioni che compensassero la perdita di circa trecento posti auto a causa dei cantieri aperti negli ultimi mesi al Borgo.

Un’ iniziativa che entrerà in vigore nelle prossime ore, nonostante il rinvio richiesto dal consiglio comunale ma che ha già scatenato polemiche tra i cittadini.  Il caso è solo all’inizio.