Nuovo centrodestra, la sfida per la leadership Ferrarese: “Alfano accetta il mio laboratorio”

LECCE- La tensione sale tra gli ex del Pdl. Il capogruppo di Forza Italia in regione Puglia, Ignazio Zullo, dopo gli strali con Lanzillotta, reo, a suo dire, di aver flirtato con Vendola, si scaglia contro Andrea Caroppo: “I consiglieri che sono passati con il Nuovo centrodestra hanno dimenticato di essere stati eletti con palese e hanno goduto della benevolenza di fitto. Caroppo sarà trascinato in un terreno che non gli appartiene, come è avvenuto con Io Sud” -spiega – “perché nel Nuovo centrodestra ci sono persone che hanno voglia di fare alleanze con la sinistra”. Il caso Ferrarese, nel brindisino, è il tallone D’Achille su cui puntano i forzisti: quel laboratorio con la sinistra che tiene in vita molte amministrazioni.
Ma per l’ex presidente della Provincia di brindisi nulla quaestio: “Nei comuni facciamo un discorso più allargato: non c’è nulla di anomalo- spiega -. Lavoriamo esattamente come si lavora a livello nazionale, con le larghe intese. Noi non siamo solo federati, siamo entrati direttamente nel nuovo centrodestra. Prima di entrarci ho incontrato Alfano e altri ministri, con i quali ho chiarito la mia posizione e quello che stavamo facendo a livello locale. Ho comunicato che lavoriamo con il Pd e loro non si sono meravigliati di questo, perché fanno anche loro così”. Ferrarese spiega di aver chiarito la questione già nell’incontro a palazzo Chigi con Alfano: “Col vicepremier abbiamo passato più di un’ora e mezza insieme: lui conosce bene la situazione”.

Ma Friolo interviene in mattinata per cercare di sgombrare il campo dai dubbi, che però restano: “Noi centro si è federato con il Nuovo centrodestra e non detterà le regole: accordi con la sinistra non se ne faranno”. Ferrarese risponde a stretto giro che Noi centro è confluito nel Nuovo centrodestra e non si è solo federato. Insomma, due prospettive diverse nello stesso partito.

Poi, c’è il problema delle leadership, a Lecce ci sono due gruppi: quello del consigliere regionale Andrea Caroppo, con gli ex della Puglia prima di tutto e quello di Gianni Marra e Giancarlo Mazzotta. Tutt’e due i gruppi dovranno fare i conti con la leadership brindisina di Ferrarese, che dice di aver già messo insieme quasi 200 amministratori e consiglieri: martedì terrà una conferenza a Sava dove sindaco, tre assessori e 4 consiglieri comunali passeranno nel Nuovo Centrodestra. Per l’ex presidente della provincia di Brindisi, essendo tante le adesioni, non ci saranno problemi nel riconoscimento delle leadership.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*