Appalti Asl Brindisi, libero un indagato

Il Riesame ha rimesso in libertà il procuratore speciale dell'azienda Artsana, mentre sono stati concessi i domiciliari a Camassa

ASL Brindisi

BRINDISI- Il Tribunale del Riesame di Lecce ha rimesso in libertà Claudio Annese, procuratore speciale dell’azienda Artsana a Brindisi, agli arresti domiciliari dal 12 novembre nell’ambito della maxi-inchiesta sui presunti appalti truccati alla Asl di Brindisi, indagine che coinvolge politici e consiglieri regionali pugliesi.

Lo stesso Tribunale ha concesso i domiciliari all’imprenditore Antonio Camassa, che era finito in carcere. In cella resta ora solo un funzionario Asl.