“Dateci i nostri soldi e andate via”, l’Ente fiera dell’Ascensione “sfratta” le Pagode

Mancati pagamenti, un debito di oltre 20mila euro e violazioni contrattuali. L'ente fiera dell'ascensione invita la società le Pagode Eventi alla rescissione del contratto. 10 giorni di tempo per andare via.

pagoda

FRANCAVILLA- Violazioni contrattuali, eccessiva morosità, debiti contratti ed eccesso di potere. Per questi motivi, “Le Pagode Eventi”, la società che per circa due anni ha collaborato con l’ente Fiera dell’ascensione di Francavilla Fontana al fine di rilanciare un ente bistrattato, è stata gentilmente invitata a sbaraccare dal polo fieristico sito in piazzale Matteotti. Bonariamente. Almeno per ora.

A darne notizia, è la direzione della Gestione dell’Ente, presieduto dal commissario Donato De Carolis che precisa come “Le Pagode srl, che hanno collaborato con l’Ente per la organizzazione degli eventi fieristici in calendario avrebbero prodotto “ non solo la eccessiva morosita’ ed i debiti  accumulati anche con varie aziende locali (fornitori di servizi),ma anche  eccesso di potere in alcune  manifestazioni  con terzi  nel non aver rispettato il contratto  firmato dalle parti” .

Insomma, secondo quelli della Fiera, Le Pagode non solo non pagavano il canone, non solo non pagavano i fornitori, ma facevano anche i comodi loro. De Carolis, che vanta un credito nei confronti de Le Pagode per oltre 26mila euro, ha quindi dato mandato all’avvocato di Fasano Giacomo Cofano per il recupero delle somme. Ma non solo. Con  una raccomandata inviata lunedì, il legale diffida la società Modenese  all’immediato rilascio, libero e sgombro da persone e cose, di ogni locale,  ambiente, pertinenza e quant’altro, in qualsiasi modo e titolo posseduto ma  di proprietà dell’Ente Fiera”.

Per ora bonariamente, si diceva. Perché se entro 10 giorni il messaggio non sarà afferrato, si passera alle vie di fatto.

Insomma, si conclude nel peggiore dei modi un matrimonio nato sotto i peggiori auspici. Più volte, Telerama aveva avanzato dubbi sulla qualità degli eventi, sul loro appeal sul pubblico e sulla gestione dei servizi. Emblematico il caso della pulizia dei bagni, dove le nostre telecamere attestarono, solo qualche mese fa, uno stato di degrado e sporcizia assoluto. Questo perché, secondo la cooperativa di Manduria incaricata, il servizio di pulizia era stato sospeso per il presunto e mancato pagamento, da parte de Le Pagode, di qualche decina di fatture. Anche in questo caso, è finito tutto in mano ad un avvocato.

Nel frattempo, in risposta a quanto denunciato dall’ente Fiera di Francavilla Fontana, le Pagode Eventi sottolineano come quanto espresso non sia corrispondente al vero ma che, anzi, le Pagode siano creditrici nei confronti dell’Ente per una somma pari a 98mila euro. MA anche che, stante gli uffici dell’ente scoperti, non vi sono per Le Pagode le condizioni per lavorare.

Inoltre, la società puntualizza come, nelle scorse ore, sia stata inviata una memoria a Comune, Provincia e Regione Puglia in cui si chiede conto della richiesta di anticipata rescissione avanzata dall’Ente Fiera a fronte di un contratto che prevede la copertura sino al 2014.