Da Cicciolina all’Honduras, Lanzillotti lascia Mele e accusa

Dopo il caso Cicciolina, ufficializza l'uscita dalla maggioranza l'ex capogruppo in consiglio Comunale Angelo Lanzillotti, in rotta con il sindaco di Carovigno Mimmo Mele. “Cicciolina – dice l'ex consigliere provinciale – è stata solo una scusa. Il problema vero è il gemellaggio con l'Honduras”. E sua moglie denuncia inquietanti episodi.

cicciolina

CAROVIGNO- Da Cicciolina ad un assessore silurato senza tanti complimenti. Da determine e delibere frutto di improvvisazione, ad un gemellaggio con l’Honduras costato all’amministrazione 20mila euro. Da pedinamenti e bigliettini anonimi poi denunciati, all’addio alla maggioranza.

Mettere insieme tutti i tasselli non sarà facile. Ma certo è che la conferenza stampa tenuta presso l’Hotel Villa Jole di Carovigno dall’ormai ex capogruppo Angelo Lanzillotti, sua moglie Simona Pino D’Astore e l’ex assessore Maria Pascale tocca diversi punti. Tutti più gravi e delicati rispetto alla base di partenza.

Ovvero, la cancellazione dello spettacolo di beneficenza con Ilona Staller e Serena Grandi che, oltre a far infervorare il sindaco Mimmo Mele, costo il posto alla giovane amministratrice. Ma Cicciolina, questo dicono gli attori, è stata solo un pretesto. Il vero motivo dell’allontanamento dalla giunta della Pascale e l’incrinarsi del rapporto tra la coppia Lanzillotti P- Pino D’Astore e il primo cittadino, ha radici ben diverse.

In primis, amministrative. Denunciate dall’ex consigliere provinciale. Poi, però, dalle pecche di natura strettamente politico amministrativa, si tocca anche il torbido. O presunto tale.

Al centro delle accuse del trio, infatti, vi è il gemellaggio tra il Comune di Carovigno e l’Honduras. Nazione, lo sottolinea la D’Astore, povera. Anzi, poverissima. Eppure, ai primi posti per narcotraffico e traffico di armi. E poi gli strani episodi. Tanto strani ed inquietanti da far temere per la propria incolumità personale.

Restano, a margine, alcuni dati. Il primo, quello politico. Lanzillotti esce dalla maggioranza e va all’opposizione. E poi il dispiacere della Pascale. Fatta fuori per quello che reputo un pretesto. Lei che, in Honduras, non c’è mai stata

Come potrà evolversi la vicenda, resta un mistero. Di certo, al netto di una denuncia contro ignoti già formalizzata dalla d’Astore, il clima è Hot. Più di Cicciolina. La sceneggiatura, in questo caso, è molto più complessa del più profondo dei suoi film.