Consigliere aggredito: “Poteva andarmi peggio”. Ritrovata l’auto

Il consigliere regionale di mep Antonio Martucci, ancora sotto schok per la rapina violenta subita, ringrazia i rappresentati del mondo politico che hanno espresso solidarietà. Alle forze dell'ordine chiede giustizia. Ritrovata ieri sera l' auto

MARTUCCI

TARANTO- Continua la caccia agli aggressori che hanno rapinato il consigliere regionale dei moderati e popolari Antonio Martucci. Avrebbero agito in 3 persone. La polstrada è impegnata nelle indagini. È stata ritrovata intanto l’auto del politico, oggetto della rapina oltre al telefono cellulare, alle chiavi di casa, all’orologio ed altri effetti personali. Il mezzo è stato trovato poche ore dopo il colpo, a bitonto. Tanti i messaggi di solidarietà a Martucci, anche consigliere comunale a Martina Franca, oltre che componente della 3° commissione alle politiche sociali in regione.

“Il mio personale ringraziamento a tutti coloro che in queste ore mi hanno riservato un pensiero di vicinanza”, è il commento di Martucci ancora sotto shock dopo l’aggressione. Grazie al mondo della politica e delle istituzioni “a cominciare dal Presidente Introna, i tanti colleghi Consiglieri Regionali, gli amici della provincia di Taranto, i colleghi amministratori di Martina Franca, il sindaco di Martina Franca e i rappresentanti dei diversi partiti. Grazie anche ai tanti amici e semplici cittadini  e alle ffoo che hanno prestato i primi soccorsi, alle quali chiede “un ulteriore sforzo per assicurare i malviventi alla giustizia e soprattutto per fare in modo di evitare che quello che è accaduto a me possa accadere ad altre persone”.

Martucci infine afferma: “Sono consapevole che sarebbe potuta andarmi peggio”.  Stando ad una prima ricostruzione della polizia, intervenuta sul posto, il politico stava percorrendo la statale 100 quando, all’altezza del casello autostradale di Massafra, è stato bloccato e rapinato.  I  malviventi lo hanno spintonato costringendolo ad accostare l’auto, per poi portargliela via lansciandolo in strada.