Giornata contro la Violenza sulle Donne, Piazza Sant’Oronzo si ferma per 15 minuti

Cgil Cisl e Uil promuovono uno sciopero simbolico per dire NO alla violenza sulle Donne. L'appuntamento è per oggi 25 novembre alle 18 in Piazza Sant'Oronzo

no violenza

LECCE- In occasione della Giornata internazionale contro la Violenza sulle Donne, Piazza Sant’Oronzo a Lecce si ferma per 15 minuti, per uno sciopero simbolico promosso da Cgil Cisl e Uil. L’appuntamento per le donne e gli uomini che vorranno aderirvi è alle ore 18.

Ai partecipanti si chiede di avere un indumento rosso e di calzare delle scarpe rosse per indossare simbolicamente le scarpe lasciate vuote dalle donne uccise.

I dati in Italia sul femminicidio rivelano che, tra il 2000 e il 2011, sono state uccise 2.016  donne di cui il 70,8% in ambito familiare; nello stesso periodo sono invece 140 i minori vittime  (78% bambine). Donne di tutte le età e bambine uccise, violentate e maltrattate e nella  maggioranza dei casi dai propri familiari/partners che avevano l’obbligo di proteggerle e  dicevano di amarle.

Oggi 25 novembre Cgil, Cisl e Uil dicono con forza NO alla violenza perché: “la violenza perpetrata  ai danni delle donne non può trovare giustificazione alcuna in nome dell’onore, dell’amore,  delle ideologie, delle credenze religiose e culturali. Le forme di violenza usate sulle donne, incluse le mutilazioni genitali o sessuali e i matrimoni forzati, creano condizioni di profondo squilibrio nei rapporti tra uomini e donne e grave discriminazione per le donne sia nella società che nella famiglia.

La violenza sulle lavoratrici nei luoghi di lavoro, che si può manifestare in forme diverse, viene  spesso sottovalutata e taciuta, ma soprattutto in tempi di crisi espone le donne ad un maggiore rischio di esclusione, ghettizzazione e vulnerabilità. La violenza contro le donne è innanzitutto la negazione della loro libertà”.