Adesioni a Forza Italia: non firmano Inguscio, Ripa e Coclite

Inguscio, Ripa e Coclite non firmano il passaggio a Forza Italia. L'ex assessore alla casa sta con Alfano che dialoga anche con Puglia Protagonista di Pellegrino.

comune-lecce

LECCE- Tre su dodici componenti del gruppo consiliare del Pdl al Comune di Lecce non firmano il passaggio a Forza Italia. Lucio Inguscio, Giuseppe Ripa e Gigi Coclite. Se il destino dell’ex assessore alla casa appare chiaro: era presente alla conferenza stampa della presentazione del Nuovo Centrodestra di Alfano insieme al collega di banco Paride Mazzotta.

Per gli altri due membri della maggioranza di Paolo Perrone  si pone il caso a Palazzo Carafa. Le motivazioni ufficiali sono che non erano fisicamente presenti alla riunione di gruppo, ma c’è chi giura che dietro ci sarebbe di più. Il dubbio sul futuro all’indomani della decadenza di Silvio Berlusconi. Capire cosa accadrà sullo scenario politico e quali nuovi perimetri si delineeranno con l’ex premier fuori gioco. Per Ripa e Coclite, con una storia marcatamente di destra, il passaggio a Forza Italia è una scelta politica non di poco conto. Forse anche per questo i due hanno scelto di prendere tempo.

Ma i movimenti non finiscono qui. A dialogare con Alfano c’è anche Puglia Protagonista, gruppo che fa riferimento a Paolo Pellegrino che in consiglio comunale esprime un assessore, Alessandro Delli Noci e un consigliere, Bernardo Monticelli Cuggiò. I contatti ci sono, conferma Pellegrino, e in settimana si potrebbero delineare nuovi scenari, anche e soprattutto all’interno della maggioranza di Perrone. Se Puglia Protagonista dovesse chiudere un’alleanza con Alfano, il primo cittadino di Lecce conterebbe su nuovi equilibri che lo vedrebbero dialogare anche con il Ministro all’Interno con il quale Perrone ha da sempre un buon rapporto.

foto forza italia