Lecce, ponte sul campionato e test al Perugia

Il rinvio della partita contro la Nocerina costringerà i giallorossi ad uno stop forzato. Già da lunedì, però, si penserà alla partita di Coppa contro il Perugia

Mister Lerda

LECCE- Altra seduta mattutina d’allenamento per i giallorossi a Squinzano, nel corso della quale mister Lerda ha fatto dispustare una partitella a tutto campo undici contro undici. Assente Bellazzini, è rientrato Berretta che ha effettutato corsa ai bordi del campo. Hanno continuato ad lavorare a parte Ferreira Pinto, Sacilotto, Papini e Bogliacino, mentre D’Ambrosio è tornato ad allenarsi regolarmente. Per domani il tecnico leccese ha concesso una giornata di riposo, fissando la ripresa a porte chiuse per lunedì mattina, alle ore 10, a Squinzano.

Il Lecce sta a guardare. Il rinvio della partita con la Nocerina costringe i giallorossi ad insolita domenica di riposo, ma già da lunedì si penserà al match contro il Perugia, valido per la terza fase della Coppa Italia di Lega Pro. I giallorossi dovranno necessariamente vincere e sperare nella qualificazione, ma il destino non è tutto nelle mani di Miccoli e compagni che attenderanno l’ultimo confronto fra il Perugia e il Grosseto che sarà l’avversario di campionato fra sette giorni al Via del mare. La sosta forzata potrebbe indurre il tecnico giallorosso a schierare una formazione non troppo alternativa come accaduto nelle precedenti esibizioni di Coppa.

Miccoli, ad esempio, ha bisogno di acquisire minutaggio dopo le settimane che hanno costretto il capitano ai box. L’attaccante salentino è rientrato da poco: dopo lo scorcio di partita giocato a Pontedera, l’allenatore giallorosso lo ha presentato dall’inizio contro il Prato risultando decisivo nel secondo tempo quando è riuscito a sbloccare il risultato bloccato sul pari. E, per sua stessa ammissione, a fine partita Miccoli ha dichiarato.

Sarebbe incredibile il contrario. I margini di crescita dell’ex attaccante e capitano del Palermo sono notevoli. Ma Lerda deve trovare anche la collocazione migliore al proprio attaccante, imbavagliato, nell’ultima esibizione, dalla difesa del Prato. Ha avuto, invece, maggiore sfogo di manovra quando è entrato Zigoni, dato in pasto, ai difensori avversari; una mossa che ha ripagato il centravanti con il quinto gol stagionale. Presto il tecnico giallorosso avràà a disposizione anche Beretta. L’infortunio alla nona costola sembra ormai alle spalle e nell’ultimo allenamento ha cominciato a correre. Solo martedì si saprà se Beretta farà parte dei convocati, ma un suo utilizzo, anche part time è un’ipotesi, al momento, molto remota.