Consales: “Resto sindaco per senso di responsabilità”

“Rimango al mio posto perchè Brindisi non merita di essere commissariata” . Chiarisce la sua posizione il sindaco di Brindisi Mimmo Consales dopo la bufera sull'ultimo avviso di garanzia ricevuto per la vicenda Equitalia. “Mi dimetterò solo se la mia posizione dovesse mettere in imbarazzo qualcuno”

Mimmo Consales

BRINDISI- “Sono fiducioso nell’operato della magistratura”, dice il sindaco di Brindisi Mimmo Consales che forte della sua maggioranza decide di andare avanti nonostante le vicende giudiziarie che lo hanno investito negli ultimi giorni.
Parla, turbato ma sicuro delle sue ragioni il sindaco in una conferenza convocata ad hoc per chiarire la sua posizione dopo l’ultimo avviso di garanzia ricevuto per abuso d’ufficio, ricettazione e riciclaggio. L’inchiesta riguarda un debito contratto da Consales con Equitalia, pagato in maniera irregolare, secondo i magistrati titolari del fascicolo: il sindaco ha versato una parte dei 315 mila euro in contanti: 20 mila euro. Un debito vecchio di oltre 30 anni per il quale a breve ci sarà la sentenza della cassazione.

E poi il sindaco ricorda anche gli altri avvisi di garanzia ricevuti: anche queste vicende per le quali non mi sento in alcun modo responsabile:”Vado avanti, conclude Consales, è il futuro della città a richiederlo, ma ne andrò a casa se la mia posizione dovesse creare imbarazzo a qualcuno”.