Alfaniani, le adesioni degli ex Udc e Pdl nel Salento

Cresce sempre di più il gruppo degli alfaniani nel Salento: a ingrossare le fila ci sono anche gli uomini dell'Udc. Secondo alcune indiscrezioni, al Nuovo Centrodestra dovrebbe aderire anche il capogruppo Udc a Palazzo carafa, Luigi Melica. Domani, a Roma, la costituente.

alfano-640

LECCE- Gli alfaniani sono al lavoro in tutta la Puglia: in queste ore, dietro le quinte, stanno avvenendo una serie di passaggi dall’Udc e da quello che fu il Pdl nel gruppo dei governativi. Nelle prossime ore si celebrerà, a Roma, la costituente del Nuovo Centrodestra. I telefoni sono roventi, si affastellano gli incontri e i vertici segreti: nel Salento, in molti hanno già fatto il passaggio, ma si affrettano a smentire perché prima di uscire allo scoperto vogliono chiudere accordi e avere garanzie.
In questi giorni hanno continuato a circolare nomi anche di big del partito di Berlusconi. Oggi spuntano anche importanti punti di riferimento dell’Udc a Lecce: il capogruppo centrista a Palazzo Carafa, Luigi Melica, è dato per certo tra gli alfaniani.

Il passaggio di Massimo Ferrarese, che qualche mese fa in Open aveva già annunciato la sua disponibilità a confluire nel centrodestra, determinerà uno sconvolgimento della geografia politica del brindisino. A Oria, ad esempio, il sindaco Pomarico, gli assessori Gianfranco Durante, Mariagrazia Iacovazzi, il presidente del Consiglio Antonio Metrangolo e due altri consiglieri andranno a ingrossare le fila degli alfaniani proprio perché sono uomini strettamente legati all’ex presidente della Provincia Brindisi. Questo passaggio se, per chi lo fa, potrebbe richiamare lo “schema Letta”, cioè quello che avviene a livello nazionale (centrodestra e centrosinistra insieme), per molti membri del Pd diventerà una posizione borderline indigesta.

Le tensioni già ci sono, anche a Francavilla dove gli uomini di Ferrarese hanno supportato il Pd, anche durante le primarie. Il laboratorio con la sinistra rischia di saltare: Altavilla, Camassa e Galiano saranno nel centrodestra. Poi, c’è anche un problema di rapporti: Cosimo De Michele aspira alla segreteria brindisina del Nuovo Centrodestra, ma dovrà fare i conti con Ferrarese, che potrebbe essere il referente per tutto il Salento.

Anche a Taranto nelle fila del centrodestra del Consiglio Comunale si verificano i primi spostamenti: Giuseppina Castellaneta è tra gli alfaniani, ma anche uno dei tre consiglieri del Pdl.