Nuovo blitz della Digos a Palazzo Nervegna

Gli agenti della Digos hanno notificato un decreto di perquisizione e sequestro, con avviso di garanzia per riciclaggio e ricettazione, al sindaco Consales, al dirigente del suo staff Saracino, all'ex direttore di Equitalia Puzzovio e a un commercialista

Mimmo Consales

BRINDISI- Gli agenti hanno acquisito documentazioni e atti dagli uffici del sindaco Mimmo Consales, ed hanno notificato quattro avvisi di garanzia. Non solo al primo cittadino, ma anche al dirigente del suo staff, Cosimo saracino, all’ex direttore di Equitalia, Giuseppe Puzzovio e ad un commercialista leccese, Massimo Vergari.

Non è altro che un filone della stessa indagine avviata nei mesi scorsi dalla Procura di Brindisi e in questo caso specifico riguarderebbe  alcune cartelle esattoriali presumibilmente mai pagate e riferibili alla “News”, l’agenzia di stampa di proprietà di Consales, almeno fino  alla sua elezione a sindaco della città.

Le ipotesi di reato, per i quattro indagati, sono ricettazione, riciclaggio e abuso d’ufficio. Per Consales si aggiungerebbe anche la concussione. Dal canto suo, il primo cittadino si dice sereno. “Ho piena fiducia nella magistratura a cui garantisco la massima collaborazione. Ad un anno dall’avvio dell’inchiesta” ha aggiunto Consales “è normale che l’attività abbia una sorta di accelerata”.