Pdl, dopo la scissione Cassano sfida Fitto: “Tanti i salentini che verranno con me”

Dopo la scissione causata dallo scontro tra lealisti e governativi, anche in Puglia c'è chi sfida la leadership di Fitto: è il senatore Massimo Cassano, che annuncia: “Tanti salentini sono pronti a venire con me”.

Massimo Cassano

LECCE- La scissione tra governativi e lealisti avanza anche in Puglia: non è alla luce del sole, ma in queste ore fervono le trattative. Ci sono i delusi e chi non apprezza la linea Fitto. E’ difficile stabilire quanti siano, perché c’è molta riservatezza: chi vuol fare il salto nel “Nuovo centrodestra” deve prima capire quali garanzie ci sono.

Se in un primo momento sembrava che nessuno in Puglia potesse voltare le spalle a Fitto (non ci era riuscito nemmeno Quaglieriello) ora c’è chi lo sfida apertamente. Massimo Cassano, senatore barese, primo degli eletti alle regionali del 2010 con 19 mila voti, è il primo a uscire allo scoperto e a divenire il referente di Alfano numero uno in Puglia. “E’ già tanta la gente che mi segue – spiega il dissidente al telefono – Ho ricevuto talmente tante chiamate di persone che vogliono seguirmi, che non riesco più a gestire la situazione. Ci sono anche tanti salentini che verranno con il nuovo centrodestra. Io non ho paura di Fitto – conclude il senatore – ho i miei voti, non sono un nominato”.

Insomma, la posta in palio è chiara: Cassano mira insidiare la leadership di Fitto in Puglia. Per il senatore, la rivoluzione vera è la nuova formazione che nasce attorno ai governativi, “perché permette di guardare avanti e aprire una nuova fase”.

Intanto, dopo il Consiglio nazionale, in attesa delle direttive sulla nomina dei nuovi coordinatori di Forza Italia, si parte con l’inaugurazione delle nuove sedi in tutto il Salento. Per molte sezioni si tratterà di cambiare solo l’insegna, poi ci sarà il passaggio dei circoli.