Omicidio ambulante, dimezzata la pena in appello

Uccise un venditore ambulante di origini marocchine nell'area mercatale a Gallipoli. La pena per Sergio Rizzo è stata quasi dimezzata: condannato a 18 anni in appello

tribunale

GALLIPOLI- E’ stata quasi dimezzata in appello la condanna a 30 anni inflitta in primo grado a Sergio Rizzo, il 52enne di Monteroni accusato dell’omicidio di Abdellatif El Farissi, 29enne di origini marocchine assassinato a colpi di fucile il 10 agosto 2011 a Gallipoli. La Corte ha infatti accolto le richieste della difesa, rappresentata dall’avvocato Luigi Rella, riconosciuto all’imputato le attenuanti generiche e ridotto così la pena a 18 anni di carcere.
Il marocchino aveva avuto qualche ora prima di morire una violenta lite con Rizzo per l’assegnazione dei “posteggi” nell’area mercatale. Secondo l’ipotesi accusatoria il 52enne, dopo aver concordato un appuntamento con la vittima in un luogo isolato lo avrebbe affrontat o e ucciso con due colpi di fucile.