Lecce, Zigoni: “Chiudiamo il girone di andata facendo il pieno”

“Abbiamo sofferto, ma la vittoria contro il Prato è giusta,. Mancano quattro partite alla chiusura del girone di andata: cerchiamo di fare più punti possibile”. Queste alcune dichiarazioni dell'attaccante Gianmarco Zigoni

zigoni

LECCE- Se Zigoni non vuole mettere la testa a posto ci pensa Miccoli. E’ stato del capitano il gol che ha sbloccato l’incontro con il Prato che proprio non si voleva schiodare dal pareggio. “Eravamo un po’ timorosi – dichiara Gianmarco Zigoni -, abbiamo incontrato difficoltà anche con l’uomo in più, ma alla fine siamo riusciti a far nostra la partita”.

Soprattutto Zigoni non ha ancora sfruttato i suoi centimetri e per battere i portieri avversari ha finora usato le sue lunghe leve. Cinque gol, tutti di piede, in campionato. Ma anche in Coppa Italia, contro la Ternana, aveva firmato la sua doppietta  con due colpi bassi. Senza dimenticare il gol segnato al Parma, anche quello di piede, ma invalidato per una posizione di fuorigioco. In totale sono sette per un attaccante che non è stato certamente avvolto dall’ottimismo anzi, molti lo avevano già messo dietro la lavagna.

Invece era una questione di forma e di intesa con i compagni. Non facile quando una squadra, a campionato iniziato, registrava calciatori con una condizione approssimativa e schemi che si faceva fatica ad assimilare perché testa e gambe andavano in due direzioni opposte. Inoltre, Zigoni non ha dovuto fare i conti neanche tanto con la concorrenza di Beretta (fermato da vari infortuni) e di Miccoli, appena rientrato. E se Lerda non era convinto della loro coesistenza magari quei pochi minuti in cui hanno giocato insieme contro il Prato ha convinto il tecnico giallorosso del contrario.  Mossa da ripetere perché Miccoli imbucato nelle difese avversarie e poco servito a dovere non funziona. Con Miccoli qualche metro più dietro la musica è diversa: libertà di puntare l’avversario e di servire i compagni senza attendere il pallone buono, quando arriva. “Sono contento per Fabrizio – aggiunge Zigoni, ex Avellino -, ha fatto un gol da prima punta e di testa anche se l’altezza non lo aiuta”.

In un modo o in un altro il Lecce ha vinto una partita che stava scivolando sui binari di un pareggio che al Lecce sarebbe andato strettissimo. “Sono tre punti pesanti – conclude Zigoni -, ora pensiamo a chiudere il girone di andata raccogliendo il maggior numero di punti possibile”.

Dopo due giorni di riposo il Lecce riprenderà gli allenamenti domani pomeriggio. L’appuntamento è al Comunale di Squinzano alle 16,30. Intanto è stato fissato il calendario della seconda e terza giornata del terzo turno della fase finale della Coppa Italia di Lega Pro: mercoledì 27 novembre (orario ancora da stabilire) il Lecce affronterà il Perugia. I giallorossi fanno parte del girone C insieme a Grosseto e Perugia. Si qualifica al turno successivo solo la prima classificata. Il Lecce, al momento, ha zero punti.