Arlotta, domani vertice a Taranto. Le associazioni tornano a battersi per i charter

Si riunisce domattina la commissione attività produttive di Taranto per discutere dello sviluppo dell'areoporto Arlotta di Grottaglie. De Padova del Movimento Aeroporto Taranto: "Perchè si potenzia solo Bari?"

Aeroporto 'Arlotta-Grottaglie'

GROTTAGLIE- Il timore è che la questione Ilva e la convocazione urgente di un consiglio regionale possa distogliere l’attenzione della Regione appunto, dalla vicenda dell aeroporto Arlotta. Proprio per la mattinata di lunedì, infatti, nell’aula consiliare di Palazzo di Città si svolgeranno i lavori della commissione Attività Produttive per discutere sulle possibilità di sviluppo dello scalo aereo grottagliese. L’ invito, da parte del presidente della stessa commissione, Filippo Illiano, è stato rivolto non solo al sindaco e ai consiglieri comunali, ma a parlamentari, consiglieri e assessori regionali, oltre che naturalmente alle associazioni pro Arlotta. Si teme però, si diceva,  l’assenza di una rapprensentanza regionale e, su questo,  Mimmo De Padova, del Movimento Aeroporto Taranto, ricorda che «sembra sceso il silenzio dopo il 12 settembre scorso, quando l’assessore regionale ai trasporti Giannini venne a Grottaglie per imporre il volere di Bari: nessuno sviluppo per il nostro aeroporto – spiega de padova –  Quella sera i consiglieri regionali presenti rimasero in silenzio, e furono solo i movimenti a battersi contro le …imprecisioni di Acierno e Giannini».

“E mentre vengono potenziati, giorno dopo giorno, i voli da Bari, Taranto resta sempre indietro –  accusa ancora de padova. Il tavolo in comune quindi – conclude – sarà occasione per chiedere, come abbiamo sempre fatto, che vengano rispettati gli accordi del piano regionale ai trsporti che prevedono per Taranto: voli per Roma e per Milano. Voli che dovevano essere attivati già 10 anni fa, e vogliamo che ci sia data questa opportunità di sviluppo, subito».