Le botteghe artigiane reggono alla crisi

LECCE- 64.937: è il numero totale degli immobili a destinazione commerciale (negozi e laboratori) presenti nelle province di Lecce, Brindisi e Taranto.
È il frutto di un’indagine del centro studi di Confartigianato imprese puglia, dalla quale emerge un dato su tutti: a reggere alla crisi, a tenere duro nonostante tutto, sono le botteghe artigiane, ancora capillarmente diffuse sul territorio.  13.289 laboratori di arti e mestieri -individuati nella categoria C3- sono distribuiti solo in provincia di Lecce; seguono Taranto con 6.081 e brindisi con 5.005.  Dopo la provincia di Bari, è quella di Lecce a registrare il più alto numero di negozi con il 20,6%; segue la capitanata e poi Taranto con il 13,4 e brindisi con il 10,7.  Infine, i fabbricati adattati per esigenze industriali sono 973 a Lecce, 912 a brindisi e 624 a Taranto.

Un buon dato quello che riguarda gli antichi mestieri, ma “purtroppo -sottolinea il presidente di Confartigianato imprese Francesco Sgherza- la sempre maggiore tassazione che grava, paradossalmente, anche sugli immobili strumentali, rischia di spazzare via migliaia di imprese. Il prossimo anno, secondo i nostri calcoli, l’impatto dell’Imu sugli immobili strumentali, unito a quello della Trise sui rifiuti e servizi indivisibili, annullerà, di fatto, i benefici di qualsivoglia altro sgravio o riduzione del costo del lavoro. È una pressione fiscale intollerabile e soprattutto iniqua”.

In pratica, si equiparano gli immobili produttivi alle seconde case, quando “i nostri laboratori sono la nostra prima casa”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*