Sfide: “Senza leader efficienti l’Italia è perduta”

L'ottava edizione di Sfide affronta il tema della leadership. Che cos’è la leadership, come si manifesta nel corpo sociale e nel mondo dell’economia? Quali sono gli strumenti di formazione dei “capi”?

leader

LECCE- L’ottava edizione di Sfide parte affrontando il tema della leadership, che non può essere improvvisata, ma costruita. La mancanza di guide carismatiche, riconosciute e valide, diventa mancanza di punti di riferimento, che condiziona la crescita del sistema Italia: è questa l’idea di Alfredo Mantovano. La mancanza di una guida efficiente è un dramma per qualsiasi paese, perché la deriva è inevitabile.

Il tema della leadership è un tema caldo, molto attuale. Che cos’è la leadership, come si manifesta nel corpo sociale e nel mondo dell’economia? Quali sono gli strumenti di formazione dei “capi”? Qual è il rapporto fra leader e nuovi social network, quanto twitter, facebook, internet incidono sulla individuazione di un leader e sull’esercizio della leadership? Tutte queste domande sono state al centro della discussione di ieri.

La manifestazione organizzata da Progetto Osservatorio, in collaborazione con Fondazione Magna Carta, Compagnia della Opere e Alleanza Cattolica si è tenuta all’interno del teatro Paisiello e si è aperta con  il racconto della storia di Otranto nel 1480: in quel caso un popolo si è fatto leader, nel momento in cui  è stato «colpito» dai turchi.