Assalto alla caserma dei Carabinieri Paolo VI

QuattroStelle

TARANTO – Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione Taranto Nord, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno sorpreso e arrestato in flagranza di reato cinque persone intente a rubare rame e alluminio da alcuni locali temporaneamente in disuso siti nel complesso del centro commerciale del quartiere Paolo VI.

I cinque, tutti pregiudicati, sono tarantini residenti nel detto rione. Si tratta di LANUCARA Giacinto, 27enne, LANUCARA Massimiliano, 19enne, LANUCARA Luciano, 24enne, BALESTRIERI Davide, 23enne, e BELLO Michele, 47enne. Il secondo era sottoposto alla detenzione domiciliare. Sul posto i militari hanno rinvenuto e sequestrato anche un camion carico di sei quintali di rame e alluminio.

Tutti i soggetti, al momento dell’arrivo della prima pattuglia, erano intenti ancora a smontare i pannelli in metallo. I Carabinieri si sono accorti dell’anomala presenza di uno di loro, che ha tentato la fuga. Successivamente, a seguito di un immediato sopralluogo, hanno scoperto gli altri quattro che si erano nel frattempo nascosti sul tetto dell’edificio interessato. Tutti i prevenuti, accertati i fatti, sono stati condotti a bordo di autovetture di servizio presso la caserma Taranto Nord, ove sono stati redatti gli atti in attesa della loro traduzione in carcere.

Durante questo frangente, una cinquantina di parenti e conoscenti degli arrestati si sono radunati attorno alla caserma, con l’intento di assaltare lo stabile, forzando il cancello di ingresso e bloccandosi al secondo. I Carabinieri presenti, con i rinforzi giunti nel frattempo anche di altre forze di polizia risultati decisivi, sono riusciti a contenere l’aggressione, ripristinando l’ordine e riuscendo ad assicurare la traduzione dei cinque in carcere che la folla voleva impedire.

Sono in corso le operazioni di identificazione dei soggetti che hanno tentato di penetrare all’interno della caserma e hanno ostacolato il regolare svolgimento delle operazioni di polizia giudiziaria.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*