Francavilla 2014, il Pd lancia l’ultimatum ai centristi: “Entro il 17 decidano con chi stare”

A 10 giorni dalle primarie del Pdl, c’è gran fermento sul fronte centrosinistra, chiamato a ufficializzare coalizione e primarie per la scelta del candidato sindaco. Il Pd di Maurizio Bruno lancia l’ultimatum ai centristi: “Entro il 17 novembre ci dicano cosa vogliono fare”

pd

FRANCAVILLA- Entro il 17 novembre, non un giorno in più. È questo l’ultimatum che il Partito Democratico di Francavilla Fontana ha posto agli “alleati” della coalizione di centrosinistra chiamati ad individuare in tempi brevi, anzi ormai brevissimi, un candidato per le primarie. Un candidato che, ognuno per il proprio partito di riferimento, avrà l’ingrato compito di sfidare Maurizio Bruno, da tempo indicato dai democratici come “cavallo di razza” nella corsa alla fascia tricolore per le amministrative 2014.

Una data non certo casuale,quella del 17. Giorno delle primarie del centrodestra, giorno in cui, verosimilmente, si dovrà proporre l’alternativa ufficiale a quanto espresso dal Pdl, chiamato a scegliere tra Antonio Sgura, Giacomo Leone, Romeo Lippolis, Mimmo Bungaro e Franco d’Alema.

Il percorso tracciato dal Pd è speculare a quello degli avversari. Ovvero, individuare il candidato e legittimarne la figura attraverso lo strumento delle primarie. Se democratici e la civica “Noi ci Siamo” puntano tutto su Bruno, Centro Democratico dovrebbe essere della partita con il segretario provinciale Gianni Capuano cui dovrebbero aggiungersi il candidato di Sel e quello di Noi Centro – Udc. Proprio i centristi sembrano essere ancora alla ricerca di una figura di spicco, pescata magari dalla società civile.

Nelle ultime ore, il nome caldo era quello di Francesco Pepe Milizia, uscita da Città in Movimento di Atnonio Andrisano, nel frattempo rientrato nei ranghi del centrodestra. Ma il commercialista ha negato con forza qualsiasi tipo di coinvolgimento. “Resto – ci ha detto MIlizia – il miglior candidato per il mio studio professionale”.

Resta inoltre da chiarire la posizione del Movimento Autonomo per il Sociale, il Mas, dentro cui si dividono al momento due anime. Una, quella rappresentata dall’ex La destra Mariano La Sorsa, favorevole all’ingresso nella coalizione allargata. L’altra, rappresentata dallo scoppiettante Peppo Cavallo, ex Dc, che invece predica prudenza e chiede, prima di lanciarsi in pericolose fughe in avanti, di attendere il risultato delle primarie del centrodestra.
Intanto, proprio i ragazzi di Noi ci Siamo, invita il segretario cittadino del Pd Marcello Cafueri “a convocare nei prossimi giorni il tavolo dell’alleanza di Centrosinistra al fine di definire la coalizione, di tracciare le linee del futuro programma e di organizzare l’eventuale percorso delle primarie per la scelta del candidato sindaco”.

Insomma, i tempi stringono. E oltre alle primarie sul fronte avverso, il nodo sembra restare quello del candidato dei centristi. Che difficilmente accetteranno di correre da semplici e meri spettatori.