Coppa Italia di Lega Pro, Lecce sconfitto dal Grosseto

La vittoria del Grosseto matura nel primo tempo con due gol di Esposito e Scappini su rigore. Giallorossi opachi e scomposti nella prima frazione. Altra storia nella ripresa con un Lecce arrembante e combattivo che sfiora la rimonta.

via-del-mare

LECCE – Il Lecce di Coppa Italia non è quello ammirato nelle ultime uscite di campionato. Non lo è nel risultato così come non lo è nella prestazione. Un Lecce dai due volti quello visto in campo contro i maremmani di mister Cuoghi allo stadio Zecchini per il turno di Coppa Italia di Lega Pro.

Ad un primo tempo completamente in mano al Grosseto capace di portarsi sul 2-0 al termine dei primi 45 minuti di gioco, ha fatto seguito una ripresa in cui il Lecce invece si è dimostrato arrembante e abile a costringere alle corde la formazione di casa che ha chiuso in inferiorità numerica. Mister Lerda per l’impegno di Coppa Italia si è affidato al turn over mandando in campo quei giocatori che non avevano trovato molti minuti in campionato.

Bleve tra i pali, Sales, Sacilotto e Vinetot in difesa. Centrocampo nelle mani di Bencivenga, Guadalupi, Salvi, Rullo e Nunzella con Melara e Doumbià con incarichi offensivi. Nella prima parte di gara il Grosseto ha messo a nudo le difficoltà del pacchetto arretrato giallorosso in diverse circostanze. Esposito al 28esimo ha portato in vantaggio il Grosseto e Scappini al 34esimo ha raddoppiato su calcio di rigore concesso dal direttore di gara Vesprini per un fallo commesso da Sales. La formazione giallorossa in alcuni frangenti è apparsa scomposta mettendo in evidenza problemi soprattutto in fase di contenimento.

Nel secondo tempo altra storia. Il Lecce è tornato ad essere combattivo e cattivo. Dopo aver rischiato in piu’ occasioni di riaprire il match con Cicerello e Melara, in superiorità numerica per l’espulsione di Giovio del Grosseto, la squadra di Lerda ha rimesso la partita in discussione con il gol di Rullo che ha aperto al forcing finale. Le ambizioni di pareggiare la gara pero’ si sono poi infrante sul salvataggio sulla linea della porta difesa da Maurantonio su tiro a colpo sicuro di Zigoni.

Al triplice fischio il Grosseto festeggia la vittoria maturata grazie al cinismo dimostrato nel primo tempo che ha permesso di annullare la rimonta giallorossa tentata ma sfumata nella ripresa. Bene la voglia dimostrata in campo, l’impegno ma meno bene lo sviluppo della manovra rispetto alle gare di campionato.

Una sconfitta in ogni caso che pregiudica il cammino nella competizione ma non lo ferma. Molto infatti dipenderà dal prossimo confronto in casa contro il Perugia il 27 novembre p.v. Sebbene le attenzioni della squadra di Lerda siano orientate sul campionato e sul prossimo match con il Pontedera, le indicazioni che arrivano dalla partita sembrano essere chiare. Il Lecce non puo’ fare a meno di alcuni giocatori in determinate zone del campo per seguire la scia delle ultime prestazioni ammirate in campionato che resta in ogni caso, l’obiettivo primario.